menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Via Duomo (Google map)

Via Duomo (Google map)

Raid al centro storico contro gli immigrati. De Magistris: "Napoli non è razzista"

Due episodi di "tiro al bersaglio" tra Forcella e via Duomo: a denunciarli l'associazione 3 febbraio. Il primo cittadino: "Bisogna chiarire al più presto la vicenda"

Napoli non è una città "razzista e intollerante ma accogliente e favorevole alla contaminazione tra popoli, culture e religioni, può conoscere fenomeni di questo tipo sui quali è importante che forze dell'ordine e magistratura facciano al più presto chiarezza per comprendere bene di cosa si sta parlando". Così, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha commentato i raid contro due immigrati africani denunciati dall'associazione "3 febbraio", compiuti tra Forcella e via Duomo da delinquenti armati di pistole nelle ultime settimane.

La rete antirazzista con sedi in tutta Italia precisa che almeno un ragazzo è stato ferito. Henry Kwasuc di origini nigeriane, colpito a una gamba da una pallottola è ricoverato in ospedale mentre S.B.C., senegalese, è rimasto indenne per puro caso dopo che gli hanno sparato alle spalle. Ma analoghi raid, avrebbero colpito avrebbero colpito altri immigrati. 

"Non fa mai male alzare la vigilanza e l'attenzione su quello che può apparire un fatto episodico che, se non denunciato con fermezza, se non stigmatizzato in modo chiaro e forte, può assumere il carattere di una maggiore recrudescenza". De Magistris ha però voluto precisare che Napoli, "è, storicamente, e con la nostra amministrazione lo è diventata ancora di più, una città dell'accoglienza e della contaminazione tra i popoli, le culture e le religioni. Non è una città razzista, non c'è odio, non c'è intolleranza. Però è una città che può conoscere fenomeni di questo tipo, l'importante è che le massime autorità e tutta la cittadinanza rigettino queste forme di violenza inaccettabili in generale". "Anche in un momento così difficile, di povertà estrema della nostra città - ha aggiunto de Magistris - dobbiamo evitare assolutamente la guerra tra poveri e tendere una mano ai più bisognosi. Bisogna sempre pensare a chi sta in difficoltà". De Magistris ha ricordato le immagini diffuse quest'estate, "quelle dei tantissimi migranti che sono sbarcati in Sicilia e in Calabria ai quali la popolazione del Sud ha teso una mano". "Siamo meridionali, siamo accoglienti, sappiamo quali sono le difficoltà e quindi non posso che stigmatizzare in modo forte e chiaro quello che e' stato denunciato e che sembra essere accaduto. Speriamo di saperne di più nei prossimi giorni", ha poi concluso il sindaco.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

social

Lotto, estrazione di martedì 11 maggio 2021

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Camorra scatenata nella notte: spari e bomba sotto un'auto

  • Cronaca

    Grande lutto per don Leonardo: parroco a Giugliano

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cura della persona

    Come usare il blush per riequilibrare la forma del viso

  • Media

    Il ritorno di Liberato: ecco "E te veng' a piglià" | VIDEO

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento