menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La violenza del sabato sera: studenti Usa aggrediti in pieno centro

I sei ragazzi, che si erano concessi un weekend tra Napoli e Pompei, sono stati picchiati e derubati dal branco. La denuncia del titolare dell'ostello in cui dormivano: "Questa è una città difficile"

Sono stati momenti di paura quelli vissuti da un gruppo di studenti stranieri, tra i 20 e i 22 anni, ospiti di un ostello in via della Sapienza. I giovani, che si erano concessi un weekend tra Napoli e Pompei prima di tornare a Parigi e a Siviglia dove studiano, sono stati infatti aggrediti sabato sera nel centro storico mentre ritornavano da una cena in una pizzeria.

I ragazzi, sei statunitensi e un canadese, sono stati bloccati e circondati a Via del Sole da un'auto e da alcune motociclette per poi essere picchiati e derubati dalla banda di teppisti.

L'episodio è stato reso noto da Giovanni Berardi, 55 anni, titolare dell'ostello che ha così commentato la vicenda: "Ormai non serve denunciare il problema. Occorre, invece, cominciare a insegnare ai bambini ad amare e a conoscere la bellezza e l'importanza della loro città".

Due degli aggressori, ha inoltre raccontato l'uomo, hanno tentato di sfondare a calci il cancello d'ingresso dell'edificio dove si trova la struttura ricettiva. "Poi, grazie anche alle urla dei vicini, sono andati via non senza aver compiuto una piccola razzia: un 'bottino' di una novantina di euro, qualche carta di credito e telefonini".

Non resta che una conclusione amara: Napoli è alle prese con il suo cancro, di ordine pubblico ma anche di tessuto sociale e culturale alla deriva. E Berardi lo sa: "Non giriamo intorno al problema: questa è una città difficile".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento