rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Afragola Afragola

Due quintali di beni alimentari per le famiglie colpite dall'esplosione di Afragola

La bomba esplosa nei pressi dia via Pio La Torre, che ha provocato ingenti danni sia agli esercizi commerciali della strada, che alle abitazioni private. L'iniziativa solidale da "La Battaglia di Andrea"

Sgomento nei giorni scorsi ad Afragola per la bomba esplosa nei pressi dia via Pio La Torre, che ha provocato ingenti danni sia agli esercizi commerciali della strada, che alle abitazioni private.

La Battaglia di Andrea, grazie al gruppo Sei di Afragola Se... (Official Page), è entrata in contatto con la famiglia dell'imprenditore di Afragola pesantemente colpito dalla deflagrazione, recapitando alla sua famiglia circa 2 quintali di beni alimentari di prima necessità.

Solidarietà

"Appena è scoppiata la bomba ci siamo subito sincerati che non ci fossero disabili in famiglia, ma comunque, di fronte ad un'emergenza del genere, disabili o meno, non potevamo stare con le mani in mano". Queste sono le parole di Asia Maraucci, il presidente dell'Associazione che ha interrotto la vacanza per tornare ad Afragola e soccorrere queste persone. "Sulle cause che hanno scatenato la cosa non ci esprimiamo - dichiara Maraucci - non ne abbiamo le competenze, ma possiamo muoverci in tutto e per tutto per aiutare una famiglia in difficoltà, questo ci compete! Abbiamo subito contattato la dottoressa Anna Nigro, commissario straordinario di Afragola e la dottoressa Alessandra Iroso, dirigente dei Servizi Sociali, alle quali abbiamo chiesto ulteriori aiuti per la famiglia; adesso é importante essere tutti uniti - prosegue - noi ci siamo. In famiglia ci sono bambini e una donna incinta, nonostante agosto ci siamo messi subito in moto - conclude - non potevamo pensare di stare in spiaggia mentre ci sono nostri concittadini in difficoltà".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due quintali di beni alimentari per le famiglie colpite dall'esplosione di Afragola

NapoliToday è in caricamento