"Azz", feste di Natale 2020 di Federico e Salvatore|VIDEO

 

Nuova deliziosa canzone di Federico Salvatore, che sta riproponendo i suoi pezzi storici, ma testi legati all'attualità, molto divertenti come sempre.

Il testo

Programmi per le feste: Natale si avvicina,

quest’anno non partiamo, restiamo a Mergellina,

che a mio figlio Eduardo gli è nata la bambina

e viene a casa nostra, la moglie non cucina.

Uagliù bell’ ’e papà, stà pe trasì Natale,

chist’anno vene ’a zia ch’è asciuto d’ô spitale!

Dicìte ê ccriature ca ’unn’ hanna fà ammuina,

sinnò se fanno ’e ffeste chiuse int’ô sgabbuzzino!

Come da tradizione facciamo un alberello

con palle di cristallo: sapessi quanto è bello!

È un pino naturale che cresce in Groenlandia

che quando lo accendiamo me pare l’Edenlandia!

Chist’anno faccio n’albero ch’arriva ô piano ’e coppa!

Ll’haggio pigliato sabbato, areto â ll’Ipercoop.

’E ppalle songo assai, ’e plastica pittate…

ma songo assai cchiù ’e ppalle ca dice mio cognato!

Sospeso ad un balcone mettiam Babbo Natale

con cento lampadine e neve artificiale.

E poi piazzo sull’attico, al posto delle antenne,

pe ffà na sciccheria, la slitta con le renne!

For’ô barcone nuosto mettimme sempe ’a gnora!

Pecchè nun se stà zitta manco nu quarto d’ora!

E ogni anno è ’a stessa lagna, dice ca stà murenno…

c’ha chiesto pe regalo ddoi bbuste ’e Voltarèn!

P’ ’a sera ’e Capodanno na fiala ’e Bentelan!

E ’o juorno d’ ’a Befana ’e ggocce ’e Valeriana!

Il mio presepe aulico è un vero godimento

perché tutti i pastori sono del Settecento.

Pertanto mi commuovo dinanzi al Bambinello,

che è copia del Gesù del presepe Cuciniello.

Ogni anno â MMaculata, puzzate jttà ’o vveleno!

Ih che sfaccimme ’e folla a San Gregorio Armeno!

Tengo nu zampugnaro, s’è rrotta ’a cuscetella,

ca sona, annanze â grotta, ncopp’â seggia ’a rrutelle!

Con l’alimentazione per essere sincero,

non voglio esagerare, mi manterrò leggero:

un risottino all’astice, un calice ’e Château

e poi per buon augurio struffoli e roccocò.

Riguardo ’a mangiatoria, me faccio comm’a accetta!

’O vermiciello a vvongole e ’o capitone fritto!

Menesta mmaretata, sciosciole e cassatine,

e po p’alliggerì ddurice litre ’e vino…

Na damigiana ’e Agliàneco mmiscata â Falanghina!

Il 24 sera facciamo il pokerino,

mentre la cameriera ci porta il liquorino.

Chi perde ’a Maserati, chi la villa in costiera…

io perdo ’a cerevella appriesso â cameriera!

’A sera d’ ’a Viggilia pazziammo â tumbulella

e cce signammo ’e nùmmere cu ’e scorze d’ ’e nnucelle

e ’o zio ca se mbriaca, cu Peppe e Carmeniello,

se mettono ’e pparrucche e fanno ’e femmenielle!

21, 21, ’a fèmmena annura

aspetta ’o 29, ’o pato d’ ’e ccriature!

8 fangotto fa’ nculo e 90

si hè fatto ’a quaterna tiene ’o mazzo tanto!

A mezzanotte in punto si scartano i regali

e i miei modestamente non sono mai banali.

Si va dal punto luce, al tennis di brillanti,

e un po’ di perle sfuse mischiate coi diamanti.

A mmezanotte in punto io arapo ’o sgabuzzino

e gghiesceno ’e ccriature ca vonno ’e regaline!

E ’o zio sempe mbriaco ca fa Babbo Natale,

cu ’a bbarba dint’â ll’uocchie care pe ttutt’ ’e scale!

La sera del trentuno, veglione al Quisisana

e rimaniamo a Capri finchè vene ’a Befana.

Sul conto alla rovescia stappiamo ’o champagnino

e tutti quanti in fila facciamo un bel trenino!

Brigitte Bardot, Bardot

Brigitte Bardot, Bardot

con le bollicine della Vedova Clicquot!

Io faccio ’o capodanno cu figliema Iolanda

e c’hamma purtà ’e seggie ca simme cchiù ’e quaranta!

Ma ’a bomba ’e Maradona sparammo a mmezanotte…

e ’o nonno p’ ’a paura se caca sempe sotto!

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento