Scritta contro ultrà romanista morto, i tifosi del Napoli la rimuovono

Era apparsa a Mergellina ed attaccava la memoria di Antonio De Falci, chiamato "codardo". "È l'anonimato che rende l'uomo codardo", la risposta dei tifosi azzurri

Antonio De Falchi

"C'è chi muore da leone e chi scappando da codardo gli si spacca il cuore. Antonio De Falchi". È la scritta offensiva comparsa a Mergellina contro l'ultrà romanista ucciso in un agguato a Milano il 4 giugno 1989. Neanche il tempo di scatenare polemiche e gli ultras del Napoli hanno cancellato la frase.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questa sera i gruppi delle due Curve di Napoli – ha scritto la pagina Mondo Ultras – si sono armati di pittura rullo e mentalità, sono scesi compatti al centro città hanno coperto una scritta indegna bei confronti di Antonio De Falchi". Con un messaggio rivolto agli autori del triste gesto: "È l'anonimato che rende l'uomo codardo. La Napoli Ultras".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amministrative 2020, i risultati nei 28 comuni al voto nel napoletano

  • Regionali Campania 2020, i risultati: Partito Democratico primo partito

  • Polmonite bilaterale, medico del Cardarelli rischia la vita per il Covid: "Tanta paura. Ora sta meglio"

  • Coronavirus, boom di positivi in Campania e un morto su soli 3.400 tamponi esaminati

  • Vruoccole e tagliatelle: il segreto della ricetta napoletana

  • Coronavirus, record negativo di nuovi casi. De Luca: "Se continua così chiudiamo tutto"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento