Tifosi veronesi entrati solo nell'intervallo al San Paolo, le spiegazioni della polizia

È stato reso noto che i supporter gialloblù sono arrivati con 45' di ritardo al punto di raccolta per i controlli da parte delle forze dell'ordine

Spiegato il motivo del ritardo per l'ingresso dei tifosi scaligeri allo stadio San Paolo, sabato in occasione di Napoli-Verona. La vicenda aveva suscitato le proteste del primo cittadino veronese Federico Sboarina e al presidente dell'Hellas Maurizio Setti.

I tifosi gialloblù sono arrivati al punto di incontro con le forze dell'ordine solo alle 16,45. A specificarlo è stata la Polizia di Stato, in risposta proprio alle proteste di Sboarina.

Proteste da Verona sull'ingresso in ritardo dei tifosi: "Vogliamo spiegazioni"

I tifosi ospiti di solito si presentano almeno due ore (sarebbe quindi dovuto essere alle 16) prima della partita per essere sicuri di arrivare in tempo al San Paolo. Ma i 500 veronesi, arrivati a bordo di cinque autobus, una trentina di minivan e venti auto private, hanno dovuto affrontare come al solito i controlli degli agenti.

I controlli sono stati veloci rispetto ad altre occasioni, specifica la polizia, proprio visto il ritardo iniziale. Il convoglio è partito dopo circa 40 minuti ed ha anche evitato la tangenziale – scortato dai poliziotti – dove c'era un ingorgo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio dai canali ufficiali della soap

  • Nuova allerta meteo a Napoli, la decisione sulle scuole per lunedì 18 novembre

  • Emergenza strade: un'altra voragine si apre al Vomero

  • Ex calciatori italiani a rischio povertà, l'ex Napoli Stendardo lancia l'allarme

  • Nuova allerta meteo gialla su Napoli e provincia per 24 ore

  • Pioggia e vento su Napoli e Campania, prorogata l'allerta meteo

Torna su
NapoliToday è in caricamento