Notizie SSC Napoli

Il Napoli risorge nella testa e nelle gambe e sbanca Marassi con Hamsik e Cavani

Gli azzurri tornano ad essere quelli ammirati la scorsa stagione e giocano una grandissima partita facendo crollare dopo mesi l'imbattibilità interna della Sampdoria

Il Napoli è tornato. Appena tre giorni dopo una delle partite più brutte della gestione Mazzarri contro l'Utrecht in Europa League, gli azzurri come la fenice risorgono dalle proprie ceneri e sbancano Marassi togliendo alla Sampdoria l'imbattibilità casalinga dopo mesi e mesi. L'inizio dei partenopei è subito a mille all'ora, con Lavezzi che sembra inspirato sin dalle prime battute di gioco. Le accelerazioni del Pocho fanno a fettine la difesa dei blucerchiati, costretti a subire le iniziative azzurre rintanati nella propria area di rigore. Nonostante il netto predominio territoriale, però, il Napoli non riesce a trovare il guizzo vincente e nella prima frazione di gioco l'unico tiro nello specchio della porta arriva da Dossena in chiusura di tempo. Di tutt'altro tenore emozionale è la ripresa, nella quale finalmente si fa vedere anche la Sampdoria, trascinata dalle giocate di Guberti, che al 65' coglie la traversa con tiro da fuori. Il Napoli non è più il solo a gestire il pallino di gioco, parte spesso e volentieri in contropiede grazie ai ribaltamenti di fronte spesso provati da Campagnaro, ai recuperi a centrocampo di Gargano e Pazienza e alla verve negli ultimi metri di Lavezzi. Al 73' gli azzurri vanno vicinissimi al gol: una punizione di Gargano dal limite dell'area si stampa in pieno sull'incrocio dei pali, con Curci immobile che può solo osservare il pallone. Al 77' Samp in vantaggio a sorpresa: buco sulla sinistra della difesa azzurra, Cassano serve con un pallonetto Pozzi in fuorigioco, contatto con Cannavaro e l'arbitro Valeri consente molto generosamente il penalty ai liguri. Cassano angola molto il tiro, De Sanctis intuisce, ma non ci arriva e i doriani vanno avanti per 1-0. Il Napoli, però, torna ad essere quello della scorsa stagione oltre nelle gambe anche nella testa e non si perde d'animo, riversandosi subito in attacco alla ricerca del pareggio, che arriva appena 6 minuti dopo: Gargano, invece, di tirare in porta calcia una punizione in profondità servendo in area Hamsik che dribbla un difensore avversario e trafigge Curci a pochi passi dalla porta. 1-1, ma gli azzurri non sembrano affatto domi ed appena tre minuti dopo un'azione sulla sinistra sull'asse Hamsik-Lavezzi, conclusasi con un cross al centro dell'argentino, trova la zampata vincente di Cavani, che sigla il suo terzo gol in tre partite in campionato. La Samp è ormai alle corde ed il Napoli riesce a controllare la partita, correndo solamente un ulteriore pericolo, sugli sviluppi di una mischia in area. Vittoria meritata quell'azzurra che chiude nel migliore dei modi una settimana tesa e sfortunata dopo i due pareggi interni con Bari ed Utrecht ed il brutto infortunio di Lucarelli.

Sampdoria: Curci, Zauri, Gastaldello, Lucchini, Zauri, Semioli (27' st Mannini), Palombo, Dessena, Guberti (35' st Koman), Cassano, Pazzini (30' st Pozzi). A disp. Da Costa, Obiang, Cacciatore, Volta. All. Di Carlo

Napoli: De Sanctis, Grava, Cannavaro, Campagnaro, Maggio, Pazienza, Gargano, Dossena, Hamsik, Cavani, Lavezzi (46' st Sosa). A disp. Iezzo, Aronica, Vitale, Cribari, Yebda, Dumitru. All. Mazzarri

Arbitro: Valeri di Roma
Marcatori: 33' st Cassano rig. (S), 38' st Hamsik (N), 41' st Cavani (N)
Note: ammoniti Lucchini, Campagnaro, Lavezzi, Grava, Gargano, Pazienza, Curci, Gastaldello, Mannini.

 

LE PAGELLE DI SAMPDORIA NAPOLI

LE DICHIARAZIONI DEI GIOCATORI

LA VITTORIA E' MERITO DI CANNAVARO

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Napoli risorge nella testa e nelle gambe e sbanca Marassi con Hamsik e Cavani

NapoliToday è in caricamento