menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Roberto Inglese, Ansa

Roberto Inglese, Ansa

Roberto Inglese ed il suo futuro al Napoli: "Lì è un'orchestra. E la musica Champions al San Paolo..."

Il futuro attaccante del Napoli ora in forza al Chievo parla di come è iniziata la sua avventura azzurra e di come sta vivendo questi mesi

Per molti potrebbe essere lui l'acquisto (in realtà è già di proprietà azzurra, ma in prestito al Chievo) principale del mercato di riparazione azzurro. E Roberto Inglese parla già da napoletano nella sua lunga intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport.

"Prima di studiarla, quella musichetta l'avevo ascoltata un milione di volte: è più forte di me, la sento e alzo il volume della tv, canticchi anche". Parla così Inglese della musica della Champions. "Una sera l'ho fatto che c'era anche Elena la mia fidanzata che mi disse: 'Cosa sai di questa musica?', Niente, ovviamente. Adesso tutto: inno composto da Tony Britten, testo in inglese, francese e tedesco, controcante nella lingua dove si gioca la finale. Sentirla in campo deve essere da brividi. Al San Paolo? Tremano i quartieri vicini no? Diciamo che la prossima settimana tiferò molto Napoli. E Man City".

"Il mio Napoli è cominciato correndo alle sette di sera in sede al Chievo: il mercato chiudeva alle undici bisognava fare in fretta. E in fretta, poi ho anche resettato", prosegue. "Sono stato bravo, dal giorno dopo non ci ho più pensato, tantomeno ai 12 milioni, solo lavoro a mille all'ora, come a Carpi, e credo che Giuntoli un po' abbia scommesso anche su quello. Ricomincerò a pensarci se ci andrò: ora di scritto c'è che sono in prestito al Chievo fino a giugno, nessun riferimento a gennaio. La gente la fa facile 'Lì ti mettono la palla sui piedi, vedrai'. Ma lì devi saperti allenare con loro, e quando in Nazionale l'ho fatto con Insigne ho capito un po' di cose. Lì devi essere un'orchestra, se stoni tu stona tutta la musica: stop e passaggio lo fanno in undici allo stesso modo, per questo ti rubano il tempo. Per questo oggi per vedere quel calcio accendi la tv se ci sono Napoli e Man City".

"Quando arrivai al Chievo dalla B i possessi palla mi sembravano a velocità impossibili e poi mi sono abituato in fretta, però mi pare dura mettermi vicino alla riga, è per gente con una tecnica fuori dal comune". Intanto, oggi contro l'Inter, i tifosi del Napoli faranno già il tifo per lui.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento