Napoli, l'annuncio di De Laurentiis: "Squadra in ritiro fino a domenica"

La decisione del presidente azzurro dopo la sconfitta contro la Roma

De Laurentiis (foto Ansa)

Aurelio De Laurentiis ha rilasciato una lunga intervista a Radio Kiss Kiss Napoli per parlare del momento degli azzurri e della scelta della società di mandare la squadra in ritiro fino a dopo la partita con il Genoa, in programma sabato sera al San Paolo.

"La squadra sarà in ritiro fino a domenica, quando ci sarà la partenza per le Nazionali. Non posso pretendere di più da Ancelotti, ma i calciatori devono ritrovare le motivazioni, non soltanto quando giocano in Champions. E' vero che negli ultimi mesi abbiamo fatto tanti innesti nuovi e non tutti hanno potuto lavorare insieme nel ritiro estivo. Bisogna trovare l'amalgama. Quando viaggiamo in aereo li vedo divisi, in gruppi coesi. Non è un ritiro punitivo, ma costruttivo, per consentire ai calciatori di conoscersi meglio. Se i risultati dovessero continuare ad essere altalenante, allora sì che la società potrebbe dire 'andiamo in ritiro fino a Natale'. Sui miei ragazzi, però, non ho dubbi. Sono tutti calciatori straordinari. Non sono preoccupato per i 18 punti in campionato, basta vincere 4-5 partite di seguito per recuperare posizioni in classifica. Questa è una squadra che può ancora dire la sua. Ai tifosi dico di stare tranquilli", ha affermato il patron azzurro. 

NAPOLI IN RITIRO, ANCELOTTI: "NON SONO D'ACCORDO CON SCELTA SOCIETA'"

Sulle polemiche arbitrali degli ultimi giorni, De Laurentiis ha aggiunto: "Io mi preoccupo di difendere l'onore dei nostri tifosi, della squadra, del nostro allenatore e della società. Dobbiamo essere rispettati. Il problema arbitrale è un problema molto complesso e molto serio, che non vuole essere affrontato. Gli arbitri devono essere gestiti dalla Lega, come in Inghilterra, dovrebbero essere tutti stranieri, giovani e ben pagati, con la possibilità di tre multe in una stagione. Noi abbiamo ancora il grande ricordo di Calciopoli, un qualcosa accaduta appena 13-14 anni fa. Devono esserci i cartellini gialli e rossi anche per gli arbitri. Il Var dovrebbe essere un aiuto. Dovrebbe esserci la possibilità per ogni allenatore di chiamare il Var per due volte a partita, una per tempo". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il presidente del Napoli ha parlato anche di mercato: "Sostituto di Malcuit? A destra abbiamo Di Lorenzo, Hysaj, Maksimovic che può giocare lì. Non credo cercheremo un altro giocatore. Il mercato, poi, lo fa l'occasione. Magari ci sono dei giovani interessanti da bloccare per l'estate". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

Torna su
NapoliToday è in caricamento