Napoli in ritiro in Abruzzo, accordo fino al 2025: la nota della Regione

Sin dal mese di agosto di quest’anno il club partenopeo potrà organizzare i ritiri estivi precampionato della prima squadra in Abruzzo. L’accordo riguarda gli anni 2020, 2021, 2022, 2023, 2024 e 2025

Su proposta degli assessori Mauro Febbo e Guido Quintino Liris, la Giunta Marsilio ha approvato un importante provvedimento che prevede un contratto di partnership istituzionale tra la Società Sportiva Calcio Napoli e la Regione Abruzzo.

"L'accordo - si legge nel comunicato della Regione Abruzzo - produce importanti ricadute produttive e turistiche sul territorio regionale e su tutto il comprensorio di Castel di Sangro, Roccaraso, Rivisondoli, Pescocostanzo e aree limitrofe".

Sin dal mese di agosto di quest’anno, dunque, la società partenopea potrà organizzare i ritiri estivi precampionato della prima squadra in Abruzzo. L’accordo riguarda gli anni 2020, 2021, 2022, 2023, 2024 e 2025

La Giunta regionale ha approvato la convenzione ed ha dato mandato al presidente Marsilio di sottoscrivere l’intesa con la società di De Laurentiis, in qualità di rappresentante legale dell’Ente.

"In un momento così delicato, a seguito della pandemia è considerata un’occasione unica per la promozione turistica regionale e per accrescere lo sviluppo economico, lungimirante perché in grado di generare anche nei prossimi anni, un indotto stabile e durevole", si legge ancora nel comunicato della Regione Abruzzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Com'è morto Maradona: il chiarimento del medico legale

Torna su
NapoliToday è in caricamento