menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cannavaro: "Fascia a Cavani? Se l'ho io è perchè tutti lo vogliono..."

Il capitano del Napoli ha rilasciato alcune dichiarazioni a Radio Marte

Paolo Cannavaro è stato ospite di Radio Marte: "Il Vesuvio è la terra che amiamo, dell'eruzione ce ne freghiamo. E' la mia risposta alle polemiche e al razzismo. Mi domando: ma come fanno i napoletani a tifare Juve, visto che ci trattano così?".

Poi si parla dell'emozione provata a Firenze: "E' stata grandissima, siamo tornati a disposizione dopo quella pausa forzata. I giorni degli allenamenti erano sempre gli stessi, io e Gianluca eravamo disponibili, ma quando c'era la partita, l'umore cambiava. Era dura. La sconfitta con il Bologna? Forse inconsciamente eravamo condizionati dalla sentenza. C'era un po' di apprensione da parte mia, ma non abbiamo perso per questo. Ho subito una vera e propria ingiustizia. L'assurdità è quella di sospendere una persona prima di un giudizio definitivo, questo è da rivedere. Ho passato un periodo davvero brutto. Sono contento di tornare a disposizione e di giocare, ma la vittoria più bella - mia e di Gianluca - è quella di esserne usciti puliti. Non ci sono macchie nella nostra carriera e il discorso vale pure per la società. Come ho vissuto il 17 gennaio? Durante la giornata, gli amici provavano a rassicurarmi, ma io non ascoltavo nessuno, neanche i miei avvocati. Ero isolato, guardavo un film con mia moglie e i miei figli. Ho cambiato canale e ho visto che era stata cancellata la penalizzazione. A quel punto ho capito e da Sky è arrivato la notizia. Sono scoppiato in un pianto liberatorio. Chi non fa nulla, non patteggia, per me questa parola non esisteva proprio. Alla fine abbiamo vinto noi, è giusto che sia così. La sfida con la Fiorentina? Ad un certo punto, stavamo dominando, vedevo nei nostri avversari il timore di affrontare la nostra squadra. Questo fa capire quanto siamo diventati forti. Eravamo concentrati tutti e facevamo quello che ci aveva chiesto l'allenatore".

Cannavaro parla sulla fascia di capitano a Cavani: "Mi viene da ridere. Prima dovevo darla a Lavezzi, poi ad Hamsik e infine a Cavani. Mi fa piacere che Edi abbia risposto così, non dico che me la tengo stretta perché è una decisione condivisa da tutti. Se sta sul mio braccio, vuol dire che sono d'accordo tutti. La classifica? Nel girone d'andata non la guardo, comincio dal girone di ritorno. Guardo sempre in alto, è giusto così. Più a lungo resteremo attaccati alla vetta, più saremo competitivi.

La Juve? Abbiamo dimostrato di poterla battere, abbiamo identità di gioco, carattere e qualità. Preferisco, ovviamente, essere antipatico e vincente. Noi stiamo viaggiando a ritmi importanti e speriamo che la Juve possa mollare: finora i bianconeri stanno avendo un rendimento incredibile. Parma? Spero di tornare a giocare, mi sono allenato come non mai.

L'Europa League? Abbiamo l'obbligo e il diritto di pensare alle due competizioni alla stessa maniera: l'Europa League mi piace, a questo punto è affascinante. Ci manca qualcosina per diventare inarrestabili, noi ci crediamo. La difesa? Ha funzionato bene la fase passiva che dipende pure dagli altri reparti. Lavoriamo tutti quando la palla ce l'hanno gli avversari.

Cavani? In allenamento è un extraterrestre. Te ne accorgi quando si fanno lavori di corsa e di gruppo. Come dice mio fratello Fabio, un grande campione lo è prima a livello fisico. Il gruppo è compatto, riusciremo a passare il periodo più intenso con l'aiuto di tutti.

Parma? Ho ancora tantissimi amici, è stato un bel periodo. Mio figlio si chiama Adrian perché sono amico di Mutu, ci sentiamo spesso. Donadoni? E' un allenatore che qui è stato poco, sta facendo una grande stagione nel Parma. Ha dato un'identità ad una squadra che era sempre un'incognita. E' imbattuta in casa. Per noi sarà difficile. Troveremo un Tardini pieno e ci daranno del filo da torcere. Io e Fabio avremmo voluto giocare insieme nel Napoli, l'abbiamo fatto solo a Parma. Mi sono emozionato quando ho visto i fratelli Insigne. Loro ci sono riusciti bene così".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tony Colombo, l'annuncio: "A fine mese dirò addio alle scene musicali"

Attualità

Anm, via alla nuova linea bus 602 sulla tratta Garibaldi-Dante

social

Lotto, estrazione di lunedì 3 maggio 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento