menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Napoli - Parma

Napoli - Parma

Napoli-Parma 1-2 | Azzurri già con la testa al Bayern

Brutta battuta d'arresto per i partenopei che capitolano al San Paolo contro gli emiliani. Squadra distratta e svogliata, approccio errato alla gara, difesa in serata no

Una grande squadra spesso dimostra di esserlo soprattutto con le cosiddette "piccole" e purtroppo il Napoli non è ancora maturo sotto questo punto di vista. Gli azzurri sbagliano l'approccio alla gara e già con la testa all'impegno di martedì in Champions con il Bayern, prendono sotto gamba l'impegno con il Parma, a cui non sembra vero di aver vita così facile, tanto da portare a casa tre punti senza fare davvero nulla di eccezionale. Sul match pesano anche alcuni gravi errori dell'arbitro Mazzoleni, ma purtroppo per il Napoli, dopo l'errore di Rocchi a San Siro, sarà molto dura avere nuovamente un calcio di rigore a favore, a meno che non si tratti di casi clamorosi.

IL MATCH - Il Napoli sin da subito non dà l'impressione di essere in una gran serata. Gli esterni non indovinano mai i cross, Hamsik va a zonzo per il campo, Cavani si defila troppo e Lavezzi ingaggia il suo duello personale con gli avversari e con il direttore di gara, che difficilmente fischia in suo favore. Il Parma sta lì, aspetta e riparte quando può, senza però rendersi mai pericoloso. L'unica vera occasione dei primi 45 minuti è un bolide su punizione di Cavani, che si perde di poco alto sulla traversa. Nella ripresa il Parma passa al 57': colpo di tacco di Floccari in area per Gobbi, Cannavaro e Campagnaro traccheggiano e il parmense batte De Sanctis con un rasoterra. Mazzarri toglie Aronica ed inserisce Mascara, che al 75' sigla il gol del pareggio, imbeccato da uno straordinario colpo di tacco da Lavezzi. Il Napoli, però, con la testa non c'è proprio ed il Parma passa di nuovo in vantaggio a 8 minuti dalla fine, grazie a Modesto che si trova tutto solo a battere a rete in seguito ad un'azione corale in cui la difesa azzurra dorme ancora. All'85' l'ultima grande occasione per i partenopei: punizione di Lavezzi, Maggio svetta di testa a colpo sicuro, Mirante respinge miracolosamente, sulla palla arriva Cavani che prende in pieno il palo, su cui si infrangono definitivamente le speranze del Napoli.

LA SVOLTA - Il Napoli ha ancora una volta sbagliato l'approccio alla gara, prendendo il primo tempo troppo sottotono. I disastri combinati poi dalla difesa nella ripresa, hanno fatto il resto, insieme ad un rigore negato a Lavezzi sullo 0-0 nel primo tempo dall'arbitro Mazzoleni.

NAPOLI-PARMA 1-2

Napoli (3-4-2-1): De Sanctis, Campagnaro, Cannavaro, Aronica (21' st Mascara), Maggio, Gargano, Inler (40' st Lucarelli), Dossena (29' st Zuniga), Hamsik, Lavezzi, Cavani. A disp. Rosati, Fernandez, Dzemaili, Santana. All. Mazzarri

Parma (4-4-1-1): Mirante, Zaccardo, Paletta, Lucarelli, Gobbi, Biabiany (21' st Valiani), Morrone, Jadid (38' st Blasi), Modesto (42' st Santacroce), Giovinco, Floccari. A disp. Pavarini, Valdes, Galloppa,  Pellè. All. Colomba

Arbitro: Mazzoleni di Bergamo

MarcatorI: 12' st Gobbi, 31' st Mascara, 37' st Modesto

Note: ammoniti Biabiany, Lavezzi.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Mugnano: "Ancora sopra i 200 positivi attuali"

Attualità

Sorpresa per Serena Rossi a Canzone Segreta: "Non sapevo niente, vi giuro"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento