menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Benitez: "A Milano per giocarcela alla nostra maniera"

Il tecnico spagnolo ha parlato in conferenza stampa alla vigilia dell'attesissima sfida con i rossoneri

Rafa Benitez ha parlato in conferenza stampa a Castel Volturno alla vigilia di Milan-Napoli. Ecco quanto evidenziato dal sito ufficiale del club partenopeo:

Dopo la vittoria di mercoledi' la squadra avrà ancora più carica e sicurezza?

"Vincere con questo carattere e forza contro un avversario di livello internazionale è un messaggio chiaro. Ma ciò che è anche chiaro per me è che dobbiamo migliorare e non adagiarci a pensare alla partita scorsa. Io guardo la condizione della squadra e mi concentro su come stiamo lavorando e come crescere. Adesso c’è una nuova partita e quella conta".

Quale sarà la chiave tattica della partita?

"Il Milan è una squadra che ha tanta qualità ed è forte in ogni reparto. Sappiamo che può anche cambiare modulo, ma in ogni caso noi non cambieremo in base alle loro scelte. Noi dovremo andare a  giocare e mettere in campo quello che stiamo dimostrando. Attaccare e stare attenti alla fase difensiva. Ogni partita è una nuova prova".

Può essere una partita svolta per il Napoli?

"Io dico che nessun match è decisivo ora. Si vince alla fine del campionato ed oggi punti di distacco dal vertice non hanno grande importanza. Siamo all’inizio, abbiamo margini per migliorare e crescere. Se vinciamo dobbiamo restare con i piedi per terra, se perdiamo diranno che non siamo così forti. Bene, sappiamo a cosa andiamo incontro e comunque andrà non succederà nulla di diverso rispetto al lavoro che abbiamo cominciato".

Al Milan la legano ricordi importanti...

"Sì, Il fatto di aver giocato con loro due finali di Champions dà un sapore particolare alla partita. Il Milan rappresenta un grande Club nel mondo. Ma resta il fatto che la partita vale sempre tre punti, non cambia".

Sta pensando di confermare la squadra che ha vinto mercoledì o cambierà qualche uomo?

Stanotte parlerò col cuscino e deciderò - sorride Rafa - ma la chiave è coinvolgere tutta la rosa sempre. Se uno gioca bene non è detto che poi giochi sempre. Ci sono tanti uomini validi che devono essere sempre in punta di piedi pronti ad andare in campo si dall’inizio. Siamo tutti importanti"

Sarà anche una sfida Balotelli-Higuain?

"Non lo so, per me conta la squadra. In ogni caso sono due attaccanti fortissimi ed io sono soddisfatto di avere Gonzalo, così come loro saranno contenti di avere Mario".

L'ultima vittoria del Napoli a San Siro con il Milan risale al 1986. Sono passati 27 anni...

"Sì ma c'erano altre squadre altri contesti. Nel calcio cambia tutto. Se non si vince da così tanti anni significa che il Milan è sempre stata una squadra forte. Noi andremo a giocarcela alla nostra maniera e proveremo a far bene".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tony Colombo, l'annuncio: "A fine mese dirò addio alle scene musicali"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento