menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mazzarri: "Con l'Utrecht gara difficile"

Il tecnico azzurro tiene alta la tensione dei suoi ragazzi in vista del match di Europa League

 "Dopo 16 anni il Napoli torna a giocare in Europa e questo è un motivo di grande orgoglio". Walter Mazzarri sente l'evento del debutto in Europa League, in un match che segna il rientro azzurro in campo internazionale. Una notte carica di significati non solo tecnici, come spiega al sito ufficiale azzurro: "Ci teniamo a dare il massimo in questo girone. Il fatto che il nome di Napoli sia tornato a circolare in una competizione europea è un onore e ci rende orgogliosi. Adesso però vogliamo dare seguito a questa avventura. L'Utrecht è un avversario difficile, nel preliminare ha battuto il Celtic 4-0 e si è imposto su una squadra di grande valore. Questo la dice lunga sul valore di una squadra che, tra l'altro, è esponente del calcio olandese, una scuola da sempre in auge in Europa. Hanno un'ottima qualità e notevole corsa. Oltretutto avranno un impatto psicologica diverso dal nostro, sono più tranquilli potendo giocare anche su due risultati. Per noi è l'esordio e non dovremo farci prendere dall'emozione, bisognerà affrontare il match con intensità e determinazione. In questo inizio stagione ho ritrovato il mio Napoli sotto il profilo caratteriale. E' una squadra che ha dimostrato di avere un'anima ed uno spirito battagliero. E mi aspetto da qui in avanti una squadra che abbia sempre la mentalità di poter battere qualsiasi avversario. Bisogna eliminare qualche ingenuità e cali di tensione, ma sono certo che presto vedremo il miglior Napoli. I nuovi arrivati stanno lavorando bene e si stanno integrando gradualmente nel gruppo. E poi devo complimentarmi con Cavani che ha avuto grande impatto con l'ambiente. E' il centravanti che volevo io: lavora per la squadra, crea spazi e sa farsi trovare pronto in zona gol. Voglio ringraziare i tifosi che ci hanno sostenuto alla grande sinora. Soprattutto contro il Bari, il pubblico ha dimostrato competenza, maturità e attaccamento. Ci ha spinto fino alla fine e anche grazie al suo apporto siamo riusciti a ribaltare la partita. Peccato per il pareggio e quel minuto di distrazione, ma anche lì il San Paolo ci ha trascinato fino all'occasione gol di Cavani al 93esimo. La nostra gente ha capito che questo Napoli non molla mai, e sapere che il popolo azzurro vive il calcio sette giorni su sette, per me è un ulteriore stimolo a fare sempre meglio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento