menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Marino: "La Juve pronta a proporre al Napoli lo scambio Amauri-Quagliarella"

L'ex dg azzurro, oramai ritornato alla sua vecchia passione per il giornalismo, continua a lanciare bombe di mercato

 Il compianto Maurizio Mosca ha prontamente trovato un suo sostituto. A lanciare, ormai quasi quotidianamente, bombe di mercato, infatti, ci sta pensando l'ex dg del Napoli Pierpaolo Marino, che senza squadra dopo il divorzio burrascoso dello scorso settembre con De Laurentiis, è tornato alla sua vecchia passione per il giornalismo. Attraverso le pagine di Tmw, Marino questa mattina ha parlato, come spesso accade, del mercato del Napoli: "Pazzini, era già da gennaio il vero oggetto del desiderio di Mazzarri. La cifra per acquisire Pazzini, però, è salita, in tre o quattro mesi, in maniera vertiginosa e, dai 18 milioni con cui avrebbe potuto accaparrarselo il Napoli a febbraio, è passata ai 22-23 che sono indispensabili oggi per convincere Garrone a firmare. Pazzini guadagna attualmente 1.6 milioni netti a stagione, per strappargli la firma sul nuovo contratto pluriennale, oggi ce ne vogliono almeno 2.8 per anno. Luca Toni, anch'egli oggetto dell'innamoramento del Napoli e di recenti messaggi conditi di miele e marmellata, ormai sembra irrevocabilmente orientato a firmare con il Genoa, rinunciando perfino all'Uefa Europa League che i partenopei, invece, gli garantirebbero. Il Genoa trasformerà, un solo anno di contratto con il Bayern da 6 milioni netti di base più 1 di variabile, in un triennale da 3.5 milioni netti a stagione, per un totale di 10.5 milioni ed i diritti di immagine resteranno al buon Luca, consentendogli altri 3 milioni di ricavi. Anche per accaparrarsi il brasiliano Fred l'impresa è titanica. Il possente attaccante del Fluminense vorrebbe rimanere in Brasile ed il club sarebbe ben felice di poterlo schierare ancora. Anche in questo caso, però, a determinate cifre, si può chiudere subito ed anche la saudade passa in un attimo. Sul piatto vanno messi 5 milioni cash netti per il giocatore, subito dopo la firma del contratto, nonché un quinquennale da 3 milioni netti a stagione. I giochi continueranno anche dopo il Mondiale, quando Marotta e Delneri, potrebbero addirittura formulare una proposta, apparentemente "indecente", al Napoli. Dateci Quagliarella, che è la punta che aggredisce gli spazi come predilige Delneri e vi daremo Amauri che risponde alle caratteristiche dello sfondatore richiesto da Mazzarri. In chiusura, molti mi chiedono se è vero, come pubblicato da Tuttosport e ripreso da alcuni siti internet, che Di Natale avrebbe raccontato una serie di bugie ad un gruppo di tifosi partenopei saliti al Sestriere. Il bomber friulano, avrebbe, fra l'altro, dichiarato ai simpatici tifosi azzurri, che sarebbe stato il sottoscritto a non volerlo portare a Napoli. Non credo che Totò, che, come calciatore, stimo così tanto che, dopo aver firmato il suo contratto d'acquisto per l'Udinese, ero riuscito a comprarlo per la seconda volta e lui me lo ha impedito, abbia potuto raccontare una simile bugia. Se, però, per assurdo, ciò fosse veramente accaduto, probabilmente per demagogia e populismo, allora intimo al caro Totò, di andare subito allo specchio a controllare la misura del suo naso".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento