menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Maradona e Federica Renica

Maradona e Federica Renica

Renica, il dramma della figlia e quella telefonata di Diego: "Ecco perché lo amiamo"

L'ex compagno di squadra del Pibe racconta di un momento tristissimo della sua vita in cui l'unico che si è trovato accanto è stato proprio Maradona

Alessandro Renica, difensore del Napoli dei due scudetti, difende in un post su Facebook il suo ex compagno Diego Armando Maradona da chi – a neanche un giorno dalla morte – lo attacca per alcune sue scelte di vita e condotte.
"È giunta l’ora di raccontarvi una storia molto triste per me, ma con un bel finale però", spiega Renica. "Non avrei mai voluto farlo, ma oggi è il momento – va avanti – lo devo a Diego".

Il racconto di Renica riguarda la figlia che ha avuto, Federica, e la sua gemella Veronica che invece non superò il parto. Era il 1996, le gemelle nacquero prematuramente, di 28 settimane. "Qualche giorno dopo io nello sconforto più totale e pieno di tranquillanti ricevo una telefonata, l'unica – spiega Renica – non me ne vogliano i miei compagni, ma è pura verità".
Era Diego Armando Maradona. L'ex capitano fino a 5 anni prima di Renica "dice delle parole così belle che mi risollevano, mi danno forza e coraggio e speranza (visto che anche Federica era in pericolo di morte)". "Mi dice queste parole che sono scalfite nella mia mente e nel mio cuore – prosegue l'ex compagno di Maradona – 'Ale io da oggi in poi pregherò per tua figlia Federica tutti i giorni e vedrai che andrà tutto bene'. E come al solito il dio del calcio ha avuto ragione". "Poi qualcuno si chiede perché lo amavamo... – è la conclusione di Renica – Diego non si tocca, non ci provate, non ve lo permetterò".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione martedì 19 gennaio 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento