menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Insigne

Insigne

Insigne rapinato, l'agente: "Per fortuna non c'erano i figli con lui"

La testimonianza di Antonio Ottaiano, agente del calciatore, sulla rapina subita al Vomero da Insigne: "E' stato un brutto spavento per Lorenzo e per la moglie"

La moglie di Lorenzo Insigne si presenterà presto alle forze dell'ordine per raccontare i dettagli della rapina subita nella notte tra sabato e domenica all'uscita da un locale del Vomero e per sporgere la conseguente denuncia di rito.

La rapina è avvenuta intorno alle 22 e 30, in uno dei "quartieri bene" della città. Bottino dei malviventi orologi, bracciali e denaro in contante. I rapinatori hanno agito quando l'auto del 25enne era ferma nel traffico. Nella vettura erano presenti anche la moglie del calciatore e alcuni amici.

LA TESTIMONIANZA - Dopo un iniziale scetticismo sono emerse conferme sull'accaduto, anche da parte dell'agente del calciatore partenopeo: "E' stato un brutto spavento -  ha raccontato Antonio Ottaiano a radio Kiss Kiss Napoli - per fortuna assieme alla coppia non c'erano i figli. Supererà tutto grazie anche all'aiuto dei suoi compagni di squadra".

I PRECEDENTI - Quello di Insigne è solo l'ultimo caso di una serie di rapine avvenute negli anni ai danni dei giocatori azzurri, ZunigaHamsik su tutti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento