rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Notizie SSC Napoli

Raspa-gol allo scadere: il Napoli batte la Juve ed è a un passo dallo scudetto

Una rete in pieno recupero dell'attaccante della Nazionale regala il successo agli azzurri allo Juventus Stadium e spiana la strada al tricolore

Finisce come cinque anni fa, 1-0 allo scadere. Allora fu Koulibaly a bucare Buffon, oggi è stato Raspadori a battere Szczesny. Stavolta, però, l'epilogo è diverso. Il Napoli è ormai ad un passo dal suo terzo scudetto. E con la vittoria allo Juventus Stadium gli azzurri avranno la possibilità di festeggiare aritmeticamente il traguardo tra il weekend prossimo (in caso di vittoria contro la Salernitana e di non vittoria della Lazio in casa dell'Inter) ed il turno infrasettimanale contro l'Udinese, nell'anticipo di martedì 2 maggio.

Una partita di personalità, rabbia e orgoglio quella degli uomini di Spalletti, che dominano il match per larghi tratti e meritano il successo arrivato in pieno recupero grazie al gol siglato da Raspadori, entrato qualche minuto prima al posto di Kvaratskhelia. 

Le scelte degli allenatori

Spalletti dà fiducia a Ndombele a centrocampo, concedendo un turno di riposo, almeno inizialmente, a Zielinski. Olivera e Lozano rimpiazzano gli infortunati Mario Rui e Politano. In difesa accanto a Kim c'è Juan Jesus, con Rrahmani che parte dalla panchina. Allegri si affida al 3-5-2, con Soulè a far coppia con l’ex di turno Milik. In difesa non ce la fa Bremer.

Primo tempo emozionante seppur senza gol

Juve e Napoli si affrontano a viso aperto e ne vengono fuori 45 minuti godibili. Le due squadre rispondono colpo su colpo nella prima metà del match. Poi nella seconda sono gli azzurri a salire in cattedra e a dominare l’incontro, con un possesso palla schiacciante ed Anguissa e Ndombele che dominano in mezzo al campo, mettendo in difficoltà Locatelli e Rabiot, costretti alle cattive maniere con i due centrocampisti partenopei. Il primo tempo, però, è avaro di occasioni degne di nota, sia da un lato che dall’altro. Da rivedere alcuni episodi: Gatti colpisce con una manata Kvaratskhelia, ma non viene sanzionato. Rabiot interviene in maniera decisamente scomposta con Anguissa: il fallo è da ‘arancione’, Fabbri opta per il giallo.

Decide Raspadori in pieno recupero

Anche nel secondo tempo il Napoli, dopo un inizio incerto, prende il controllo del match e mette alle corde la Juventus. Gli azzurri sfiorano il vantaggio in più occasioni con Osimhen, che colpisce anche un palo. Poi all'83 sono i bianconeri a segnare con Di Maria, ma l'arbitro annulla dopo essere stato richiamato al Var per fallo netto di Milik su Lobotka nel corso dell'azione. Nel finale Spalletti manda in campo Raspadori al posto di Kvaratskhelia e questa si rivelerà la mossa decisiva. Al 93' Elmas (grande impatto il suo sulla partita dopo l'ingresso in corso d'opera) trova da destra a sinistra Raspadori, che colpisce d'istinto e trafigge Szczesny, regalando la vittoria al Napoli e facendo esplodere letteralmente lo spicchio occupato dai supporters partenopei. 

Scoppia la festa in città: cori e caroselli in centro | VIDEO M.Romano/NT

La gioia del match-winner: "Emozionatissimo per questo gol"

"Sono veramente scosso ed emozionatissimo. E' una vittoria pesantissima, la volevamo tanto. Loro ci hanno messo in difficoltà, ma ci abbiamo creduto fino all'ultimo e ci siamo riusciti. Il gol è sicuramente molto importante, ma abbiamo ancora partite da vincere. Oggi ci dà una grande mano, venivamo anche dalla delusione della Champions. Non c'è mai un momento giusto per stare fermi, ma per me è stato difficile. Ho lavorato con lo staff medico per uscirne e sono molto felice per questo gol. Scudetto domenica prossima? Noi abbiamo una sola cosa in testa: i tre punti con la Salernitana. Pensare così ci ha portato a questi risultati. Pensiamo a recuperare e a vincere la prossima". Così Giacomo Raspadori ha parlato al termine del match ai microfoni di Dazn. 

Gli azzurri festeggiano negli spogliatoi: il video sul web

Il tabellino

Juventus (3-5-2): Szczesny; Gatti, Rugani, Danilo; Cuadrado, Miretti (61' Di Maria), Locatelli, Rabiot, Kostic (61' Chiesa); Soulé (66' Fagioli), Milik (90' Vlahovic). All. Allegri.

Napoli (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Kim, Juan Jesus, Olivera; Anguissa, Lobotka (94' Rrahmani), Ndombele (68' Zielinski); Lozano (68' Elmas), Osimhen, Kvaratskhelia (86' Raspadori). All. Spalletti.

Arbitro: Fabbri di Ravenna

Marcatori: 93' Raspadori

Note: ammoniti Locatelli, Rabiot, Fagioli, Di Maria, Anguissa. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raspa-gol allo scadere: il Napoli batte la Juve ed è a un passo dallo scudetto

NapoliToday è in caricamento