Juve-Napoli, il consigliere federale Lo Monaco: "La partita si rigiocherà sicuramente"

"La Lega vuole mantenere il suo percorso per magari far vincere 3-0 la partita a tavolino ai bianconeri, ma nessun appello potrà confermarlo", spiega l'ex ad del Catania

(foto Ansa)

Il consigliere federale Pietro Lo Monaco ha parlato ai microfoni di TMW Radio, intervenendo nel corso della trasmissione Stadio Aperto, del caso Juve-Napoli: "Ho espresso a più riprese la mia preoccupazione. C'è un comunicato della Lega che ribadisce la forza del protocollo e ne conferma l'attuazione, ma aggiunge 'fatto salvo decisioni dell'autorità regionale o locale'. La Asl lo è, e quindi è tutto legittimo. L'errore è a monte: quando è stato sancito il protocollo, dovevano essere coinvolte le autorità regionali e locali perché non intervenissero in questi casi, ma è stata fatta una scelta. Erano due le soluzioni: o stoppare tutto in caso di ritorno del Covid, oppure gestirlo. Episodi del genere fanno parte della gestione, e serve il buonsenso per queste situazioni: rispettare il protocollo, coinvolgendo però anche le autorità regionali e locali affinché non mettessero becco. Sta nella loro legittimità proibire al Napoli di recarsi a Torino, e così è stato fatto. La Lega vuole mantenere il suo percorso per magari far vincere 3-0 la partita a tavolino ai bianconeri, ma nessun appello potrà confermarlo: la partita si rigiocherà sicuramente. Bisogna sancire la preminenza del protocollo su altri discorsi, ed andare avanti provando a gestire le conseguenze del Covid".

"Il protocollo avrebbe dovuto prevedere la presenza di tutte le parti al tavolo, e l'accettazione di esso. Si è deciso di gestire la malattia e continuare il campionato fino alla fine: con due o tre contagiati è quarantena, la squadra gioca e si va avanti. Sorprende come siamo arrivati a questo punto: se nella vicenda c'è un organo evidentemente sovrano e superiore a chi ha steso il protocollo, c'è stata una carenza nell'affrontare il tutto. Ora va fatto risanamento, oppure si rischia che a ogni piè sospinto l'autorità di turno sospenda l'evento: la possibilità che il campionato rischi di non terminare è seria. Se mi aspetto una linea dura della Juventus? No, mi aspetto prevalga il buonsenso. Tutti hanno accettato di correre rischi, e questo rientra tra quelli. Gestendo una malattia seria, può starci che l'autorità preposta si cauteli anche attraverso la quarantena dei gruppi. Invece che reclami sulla partita, mi aspetto che su un tavolo di lavoro si affronti questo protocollo", ha concluso Lo Monaco. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, arriva la nuova ordinanza regionale: coprifuoco e divieto di mobilità fra province

  • SuperEnalotto da capogiro a Bacoli, vincita da mezzo milione

  • Protesta Whirlpool, operai bloccano l'imbocco dell'A3: auto incolonnate

  • Nuova ordinanza di De Luca: confermato il coprifuoco e stop all'asporto

  • Polmonite bilaterale senza patologie pregresse a 32 anni: "Ho visto il mio amore avere fame di ossigeno"

  • Riunione Regioni-Governo: per ora salta il lockdown in Campania

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento