Il magistrato Maresca: "Sentenza su Juve-Napoli è violenta come neanche nei processi di mafia"

Il procuratore in forza alla DDA e sotto scorta dal 2008: "Una violenza, un'aggressività del genere, neanche nei processi di mafia l'ho mai riscontrata. Come accusare senza un processo"

Il magistrato Catello Maresca, sostituto procuratore in DDA dal 2007 ha parlato al Corriere dello Sport della recente sentenza d'appello sui fatti che hanno portato alla vittoria a tavolino della Juventus sul Napoli: "In ventidue anni di professione non ho mai letto una sentenza così violenta come quella della Corte d'Appello federale sul caso Juve-Napoli. Neanche nei processi di criminalità organizzata", spiega Maresca. "Una violenza del genere non l'ho mai riscontrata. Il tono è sconcertante, eccessivamente aggressivo. E' come accusare senza un processo: piuttosto che valutare il legittimo impedimento del Napoli si è giudicato il dolo del Napoli", conclude Maresca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

Torna su
NapoliToday è in caricamento