Juve-Napoli vietata ai campani, la lettera inviata al Presidente Mattarella

"Le chiedo un intervento per tutelare i diritti dei cittadini campani sanciti dalla Costituzione", scrive il Presidente della Commissione Infrastrutture del Comune di Napoli Nino Simeone

"Egregio Sig. Presidente della Repubblica, Alla luce della vergognosa disposizione adottata dalla Società Sportiva Juventus Football Club, in occasione della partita di calcio Juventus – Napoli del prossimo 31 agosto, con la quale ha deciso di vietare la partecipazione all'evento sportivo nello stadio torinese, non solo ai residenti ma anche a tutti i nati in Campania, Le chiedo un Suo diretto intervento affinchè vengano salvaguardati e tutelati i diritti sacrosanti dei cittadini napoletani e campani, così come previsto dalla nostra Costituzione. Un atto indegno e discriminatorio che nulla ha a che vedere con i valori ed principi che lo sport dovrebbe rappresentare, soprattutto per le nuove generazioni, in un particolare momento storico/politico come quello che stiamo vivendo attualmente". Questo il contenuto della lettera che Nino Simeone, Presidente della Commissione Infrastrutture del Comune di Napoli, ha inviato al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. 

Juve Club Cercola: "Entreremo in duecento"

Nel pomeriggio è arrivata la rettifica del club, che sul sito ufficiale vieta la vendita solo ai "residenti in Campania" dopo riunione con il Gos, Gruppo Operativo di Sicurezza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dimagrire velocemente: la dieta Kempner per perdere fino a 20 chili in un mese

  • Il rider rapinato è ancora senza lavoro: rifiutate due offerte

  • Reddito di Cittadinanza, in 24 trovano lavoro: ecco cosa faranno

  • Campania zona gialla, ristoranti e bar con servizio al tavolo e al via i saldi invernali

  • Coronavirus, Campania zona gialla da lunedì 18 gennaio: l'indice Rt è inferiore a 1

  • Acqua, bicarbonato e limone: benefici e controindicazioni

Torna su
NapoliToday è in caricamento