menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Tempo contro Reja: "I napoletani sono i peggiori nemici dei laziali. Non dovevi ringraziarli"

Sconcertante editoriale del quotidiano romano contro il tecnico goriziano, reo di aver salutato i suoi vecchi tifosi

La lettera di ringraziamento ai tifosi del Napoli inviata da Edy Reja attraverso le pagine de Il Mattino, ha sollevato delle polemiche infinite nell'ambiente laziale. Ecco uno sconcertante fondo di tale Luigi Salomone, editorialista del quotidiano romano de Il Tempo, che con piglio da accanito ultras accusa il tecnico goriziano di essersi macchiato di un'onta impossibile da lavare: "Simpatico, solare, romantico: questo è Edy Reja, uomo schietto nonché ottimo allenatore. Stavolta, però, ha commesso un errore imperdonabile proprio quando stava cercando di ricostruire la sua immagine, scalfita dalle quattro sblerle consecutive rimediate nei derby. Detto che Reja nelle sfide contro i cugini è stato accompagnato da una sfortuna colossale condita anche da qualche sfavore arbitrale, ieri ha pensato bene (male) di far pubblicare una lettera sulla prima pagina del «Mattino» di Napoli. Un ringraziamento pubblico ai suoi vecchi tifosi, alla città e al club di De Laurentiis. Per carità, tutto bellissimo, da «Libro cuore», in perfetta sintonia col personaggio se non fosse però che, dopo la Roma, il Napoli è la squadra più odiata dai laziali per vecchie ruggini. Perdipiù Zarate & Co. hanno perso una partita, quella di domenica scorsa, che potrebbe significare l'addio alla Champions per i biancocelesti, hanno subito l'assalto al pullman preso a sassate da qualche teppista, sono stati battuti per colpa di vergognosi errori arbitrali mentre al San Paolo si esultava (giustamente) per i regalini di Banti, hanno dovuto ascoltare le parole irridenti di Mazzarri. Tutti buoni motivi per evitare di annunciare che gli «amici napoletani» hanno fatto i complimenti alla Lazio per l'ottima prova, una roba che, da quando esiste il calcio, fa solo «rosicare» chi esce sconfitto dal campo. E chissenefrega dice anche l'ultimo tifoso biancoceleste: Napoli è solo un nemico sportivo da battere e i suoi sostenitori sono solo degli avversari di storiche sfide da sconfiggere. Il grande amore che sente per Napoli Reja farebbe bene a non sbandierarlo tutte le volte che se lo ritrova di fronte così come la sua voglia di vedere il suo ex club campione d'Italia. Non c'è un solo tifoso laziale che si auguri di vedere lo scudetto sulle maglia di Lavezzi e Cavani. Meglio Milan o Inter".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Mugnano: "Ancora sopra i 200 positivi attuali"

Attualità

Sorpresa per Serena Rossi a Canzone Segreta: "Non sapevo niente, vi giuro"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento