menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Higuain: "Dobbiamo credere nello scudetto. Voglio entrare nella storia del Napoli"

L'attaccante argentino ha rilasciato una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport

L'attaccante del Napoli Gonzalo Higuain ha rilasciato una lunga intervista a Mimmo Malfitano della Gazzetta dello Sport. Ecco quanto evidenziato da Napoli Today:

Un mese di Napoli, Higuain: come è cambiata la sua vita?
«Sono qui da poco, ma il mio modo di essere non ha subito grandi variazioni. Sto conoscendo la città e la tifoseria, che è molto calorosa. Sono convinto che qui farò un’esperienza molto importante: società, allenatore e squadra sono di livello».

Veniamo subito al dunque: ritiene che questo Napoli possa essere vincente?
«Certo, nello scudetto dobbiamo credere, siamo competitivi e possiamo sognare nonostante la serie A sia difficilissima».

Chi potrebbe sbarrarvi la strada per il primo posto?
«Le solite squadre, partendo dalla Juve che ha fatto capire le proprie intenzioni vincendo largamente la Supercoppa. Anche il Milan è messo bene, ha discrete individualità. Una su tutte, Balotelli, ovviamente. Nell’insieme, però, sono convinto che se facciamo le cose per bene, possiamo vincere».

È parso di capire che proprio questa convinzione l’ha spinta ad accettare le proposte di De Laurentiis: vero?
«In parte sì. Il presidente è stato molto importante, mi ha convinto subito e mi è piaciuto molto il suo progetto. Qui, c’è una gran voglia di vincere, lo scudetto manca da tantissimo tempo. E mi piacerebbe se dopo Maradona fossi proprio io a festeggiarlo con la gente di Napoli. So quanto Diego ami i napoletani e che cosa abbia rappresentato per questa città. Confesso che dentro di me avverto una sensazione particolare quando penso che lui qui ha giocato per 7 anni».

Napoli-Juve sarà la sfida nella sfida: ci sarà anche Higuain contro Tevez, con lo juventino che punta al ritorno in Nazionale.
«No, nessun confronto personale. Con lui ho un buon rapporto, è un grande giocatore. Ma io guardo a me stesso, a quello che dovrò fare per il Napoli in modo da poter confermare il posto in Nazionale».

Lo scudetto, dunque, è alla vostra portata. Ma il cammino in Champions League è altrettanto prestigioso: che ruolo può svolgere il Napoli in questa competizione?
«Difficile dirlo. Gli avversari sono di livello internazionale, ma la squadra è stata attrezzata per reggere il confronto anche in Champions».

E se dovesse capitarvi il Real Madrid nel girone?
«Magari! Sarebbe sfizioso batterlo. E lo dico senza rancore. Da lì sono voluto andare via io, perché ho bisogno di giocare con continuità e a Madrid non mi è stato possibile farlo. Quando è iniziata la trattativa col Napoli, Ancelotti ha provato in tutti i modi a convincermi, a farmi restare. Ma io avevo già deciso e ho trovato il progetto del Napoli più interessante di altri che mi sono stati presentati».

Dica la verità: le pesa la responsabilità di dover sostituire Cavani?
«Lui è andato via e sarà ricordato per i tanti gol segnati. Io sono qui e vorrei entrare nella storia del club come Maradona, perché il mio unico obiettivo è vincere. In ogni modo, eviterei confronti e paragoni, non servono. Ognuno di noi è consapevole delle proprie qualità e di quello che può dare. E io sono certo che a questo Napoli darò tanto».

Insieme con lei, il campionato italiano potrà contare sulla presenza di altri due attaccanti arrivati dall’estero: Tevez, appunto, e Mario Gomez. Che cosa può spingere un giocatore a lasciare un club importante e vincente per iniziare un’avventura in un Paese diverso?
«Anche per i calciatori, e non solo per i club o gli allenatori, i cicli si aprono e si chiudono. Io ho ritenuto finito il mio al Real Madrid e, probabilmente, anche Tevez e Mario Gomez hanno pensato alla stessa maniera per se stessi. In ogni modo, siamo venuti a giocare in Italia, in un campionato tra i più prestigiosi e interessanti in assoluto, che è sempre stato di richiamo per i grandi campioni stranieri».

Insomma, la disputa per il titolo di capocannoniere è destinata a durare fino all’ultima giornata, pare di capire.
«Al di là della presenza di noi stranieri, in serie A giocano attaccanti italiani di grande valore. Balotelli su tutti, poi c’è Di Natale che non conosco bene. Ma so che negli ultimi anni ha realizzato montagne di gol. Milito? Mi auguro di rivederlo presto in campo, lui è un valore aggiunto».

Mourinho è partito alla grande, due partite e altrettante vittorie: come è stato il suo rapporto con questo allenatore?
«Mi ha migliorato nel carattere e nell’aggressività, ma a me non piaceva giocare una partita si e l’altra no. A giugno c’è il Mondiale e io voglio continuità. Comunque, resta uno dei più grandi tecnici della storia del calcio».

Capello, invece, è stato il suo scopritore, colui che l’ha voluta al Real Madrid: che ruolo ha avuto nella sua crescita?
«Con lui sono stato appena un anno, mi ha dato fiducia e mi ha fatto giocare quando ero ancora un ragazzino. Anche lui ha dimostrato di essere un vincente».

Il presente, invece, è legato a Rafa Benitez: qual è la sua impressione dopo un mese di lavoro insieme?
«È una delle ragioni per cui sono qui. Mi ha parlato, spiegato che insieme avremmo potuto fare grandi cose. Le sue parole mi hanno convinto, così come è stato importante nella mia scelta la carriera che ha avuto e tutto quello che ha vinto».

Scudetto col Napoli e titolo mondiale con l’Argentina: sarebbe troppo per lei?
«Niente male. Ma non precorriamo i tempi, al Mondiale manca un anno e dobbiamo ancora qualificarci. Arriviamoci prima e poi sono certo che lo giocheremo a grandi livelli».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tony Colombo, l'annuncio: "A fine mese dirò addio alle scene musicali"

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    De Luca a Capri: “Da oggi l'isola è Covid Free”

  • Cronaca

    Conclusa dopo poche ore la fuga di “Pippotto”: arrestato nella notte

  • Cronaca

    Fabbrica del falso alla Sanità: la scoperta della finanza

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento