menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Mazzarri

Mazzarri

Genoa-Napoli, il commento di Mazzarri e Dossena

Le parole dei protagonisti azzurri al termine del match del Ferraris

Le dichiarazioni di Mazzarri e Dossena al termine di Genoa-Napoli, raccolte dal sito ufficiale del club partenopeo:

MAZZARRI - "Abbiamo fatto un gran secondo tempo ma nel primo tempo il Genoa è stato più attento e concentrato. Siamo partiti male, il Genoa era carico e ci ha messo in difficoltà subito. Purtroppo noi abbiamo sbagliato la partita nella prima mezzora ed abbiamo pagato. Bisognava far passare il tempo e uscire da quella situazione, invece noi non siamo entrati col giusto piglio in campo. Poi è arrivato l'eurogol di Palacio che ci ha tagliato le gambe. Abbiamo perso lucidità e sul raddoppio di Gilardino non siamo stati bravi in marcatura. Ma quando siamo rientrati dopo l'intervallo la squadra mi è piaciuta e credo che nel finale avremmo meritato anche di pareggiare. Oltretutto credo che il loro terzo gol sia macchiato da un fallo su Maggio. Però, ripeto il pari era più giusto. Io devo guardare la prestazione nella sua globalità al di là del risultato. Giocare partite così vibranti ogni tre giorni può farci perdere brillantezza sia in fase offensiva che difensiva, questo è chiaro. Quando si arriva per la prima volta a certe competizioni si rischia di pagare in campionato e mi aspettavo che potessimo calare di rendimento fisiologicamente. Però il nostro intento ovviamente è quello di riuscire ad essere competitivi sempre. Io penso che il Napoli ha perso qualche partita non per la prestazione ma nel dettaglio, così come è avvenuto oggi nell'occasione del secondo gol del Genoa. Io cerco sempre di far girare la macchina a mille, ma è evidente che un alto dispendio di energie si paga. Sto cercando di rimettere in squadra giocatori che mancano da un po' anche per infortunio, come il caso di Britos. Oggi mi è piaciuto e sono certo che giocando riprenderà la piena condizione nel tempo. Oggi ho tenuto fuori Cavani all'inizio perché anche lui ha bisogno di riposare. Poi l'ho fatto entrare nella seconda parte ed oltre ad Edi ho fatto dei cambi un po' audaci compreso quello di Vargas. Il ragazzo è ancora un po' spaesato e voglio favorire il suo ambientamento nel nostro calcio. Diamogli tempo".

DOSSENA - "Siamo stati ingenui nel primo tempo ed abbiamo pagato un atteggiamento sbagliato. Abbiamo parlato con il mister nell'intervallo e siamo tornati in campo con molta più autorevolezza nella ripresa. Di certo gli episodi ci hanno condannato ma abbiamo tenuto il campo fino alla fine. Ovviamente quando subisci gol lasci spazio all'avversario e sotto il profilo tattico e  psicologico puoi andare in difficoltà. Ma se guardiamo il singolo episodio noi abbiamo avuto la palla per segnare per primi con Hamsik e se lì avessimo fatto gol sullo 0-0 cambiava la partita in nostro favore. La voglia di risalire in noi è tanta, la strada è lunga e noi non molleremo nulla.  Noi non facciamo calcoli, abbiamo un gruppo unito, un allenatore che sa guidarci al meglio ed abbiamo un marchio di fabbrica di questa squadra che sta durando negli anni. Adesso si ricomincia mercoledì con il Cesena e cercheremo di tornare alla vittoria. Sappiamo che in questa stagione siamo sotto la lente di ingrandimento degli avversari per i risultati ottenuti. Ne eravamo coscienti ma abbiamo risorse per poter essere in grado di risalire come una grande squadra".

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Mugnano: "Ancora sopra i 200 positivi attuali"

Attualità

Sorpresa per Serena Rossi a Canzone Segreta: "Non sapevo niente, vi giuro"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento