Gargano: “I napoletani sono maleducati. Una volta Lavezzi voleva picchiare Mazzarri e io...”

L'ex centrocampista del Napoli ora in forza al Monterrey ha rilasciato una lunga intervista alla radio messicana Rg in cui ha ripercorso la sua carriera ed il suo rapporto con i tifosi partenopei

Walter Gargano

È destinata a suscitare qualche polemica l'intervista concessa dall'ex centrocampista del Napoli Walter Gargano alla radio messicana – l'uruguayano ora gioca nel Monterrey – Rg, in cui ha commentato alcuni aspetti della sua esperienza a Napoli.

Ringraziamenti ad Edy Reja che lo volle in Italia, a Rafa Benitez che lo ha riportato a buoni livelli nell'anno del suo ritorno a Napoli, ma anche qualche frase sui tifosi azzurri poco lusinghiera. “Napoli è una città folle e davvero caotica, unica. Ammiro il modo in cui i napoletani vivono il calcio, anche se non condivido la loro cultura”. I partenopei secondo Gargano sono “maleducati, al contrario di qui. Qui la gente ti chiede 'per favore', se stai cenando o pranzando aspetta, lì invece ti assalgono gridando nella loro lingua, il napoletano, 'uè, gargà, vieni qua', senza mai chiedere per favore. È unico per un calciatore, c’è una passione immensa. Se le cose vanno bene non puoi uscire di casa, e se vanno male nemmeno”.

LAVEZZI E MAZZARRI – Gargano definisce “poco riconoscente” il tecnico livornese Walter Mazzarri. “Con lui c'erano divergenze d’opinione. Se mi dicono che una cosa è verde, ma io la vedo nera, per me continuerà ad essere nera – spiega il Mota – Ha avuto problemi anche con Lavezzi, e non è stato mai riconoscente con me. Ci fu un giorno in cui il Pocho voleva picchiarlo e fui io a fermarlo”. “Mazzarri voleva avere sempre l’ultima parola – specifica Gargano – aveva un carattere particolare e noi eravamo giovani e un po’ ribelli. Non gli piaceva nemmeno che bevessimo il mate negli spogliatoi o che ascoltassimo la nostra musica. Sono cose caratteristiche per noi, ma a lui non piacevano”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

MAREK HAMSIK – Hamsik è più di un ex compagno di squadra per Gargano. È la persona che gli ha presentato sua moglie, la sorella. “È un fenomeno, nel campo e fuori. Una persona molto molto buona, a volte sembra che sia distratto ma non è così. È intelligente, osservatore, di poche parole ma giuste. Per me è un fratello. Lo volevano in tanti, ma ha sempre preferito restare a Napoli”-

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

Torna su
NapoliToday è in caricamento