rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Notizie SSC Napoli

Furto a casa Cavani, il timore dei tifosi: "Speriamo non vada via"

Il presidente del Principato di Lucrino, il club dedicato all'attaccante: "Edinson è molto sensibile". La decisione di lasciare Palermo arrivò dopo un'aggressione subita mentre era in auto

È furioso Edinson Cavani per la visita non gradita ricevuta nella sua casa a Lucrino nella notte tra sabato e domenica. I malviventi hanno agito a colpo sicuro. Il Matador è infatti dalla scorsa settimana a Montevideo con la moglie Maria Soledad e il figlio Bautista.

LA RICOSTRUZIONE DEL RAID - Dopo aver sfondato una porta finestra, i ladri hanno rubato gioielli, monili d'oro e maglie da calcio. Impossibile compilare un inventario completo al momento. Occorrerà attender eil rientro di Cavani previsto tra mercoledì sera e giovedì. Il valore dei preziosi dovrebbe comunque aggirarsi attorno ai settemila euro. L'allarme è stato lanciato dai vicini. Domenica mattina hanno notato l'effrazione e immediatamente hanno chiamato i carabinieri della stazione di Pozzuoli. Sul posto è giunto anche il procuratore del giocatore, Claudio Anellucci, che ha avvertito il Matador con un sms e poi gli ha telefonato in serata mentre era in ritiro con la sua nazionale.

E adesso che chi teme che una vicenda del genere possa portare Cavani a lasciare la città e la squadra. Il presidente del Principato di Lucrino, il club dedicato all’attaccante, Alessandro Peluso, è preoccupato. "Speriamo non ci siano conseguenze. Edinson ha un carattere particolare, è molto sensibile". Basti ricordare che la decisione definitiva di lasciare Palermo arrivò dopo un'aggressione subita mentre era in auto con il compagno di squadra Bertolo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto a casa Cavani, il timore dei tifosi: "Speriamo non vada via"

NapoliToday è in caricamento