Al San Paolo arriva il Lecce: i pugliesi hanno una classifica bugiarda

Salentini sulle ali dell'entusiasmo dopo la prima vittoria casalinga che ha determinato l'esonero di Walter Mazzarri

(foto Ansa)

Nell'incontro valevole per la ventitreesima giornata del campionato di serie A, la quarta del girone di ritorno, il Napoli, reduce da due vittorie consecutive, tre se si considera quella in coppa Italia contro la Lazio, misura i suoi progressi, alla vigilia di un periodo denso di impegni, affrontando al San Paolo il Lecce, al momento diciassettesimo con diciannove punti.

L'undici di Liverani si presenta sicuramente galvanizzato al difficile appuntamento forte del primo successo interno stagionale ottenuto superando nettamente, 4-0 il punteggio finale, il Torino nel match che è costato l'esonero a Walter Mazzarri. A brillare nell'ultima esibizione i giocatori acquistati dalla società per cercare di aumentare la qualità della rosa a disposizione del tecnico soprattutto nella zona nevralgica del rettangolo verde.

Se Deiola e Barak, entrambi a segno al debutto, aggiungono fisicità e tempi di inserimento in zona gol tocca a Saponara aumentare in maniera significativa il tasso qualitativo sulla trequarti sia in termini di passaggi decisivi che di gol. L’inevitabile iniezione di fiducia ricevuta dall’ultima convincente affermazione aiuterà indubbiamente la compagine ospite a scendere in campo con il piglio giusto per provare a conquistare un risultato di prestigio nella rincorsa salvezza che potrebbe consentirgli di aumentare il margine di vantaggio sul terzetto che chiude la graduatoria.

Doveroso precisare che fino ad ora, per quanto espresso sul campo, i giallorossi, una sola vittoria a nelle dieci esibizioni a Fuorigrotta in massima serie contro il sodalizio partenopeo, avrebbero meritato una classifica migliore anche se le ultime uscite in trasferta registrano una preoccupante serie di tre sconfitte consecutive.

Dal punto di vista tecnico l’allenatore salentino dovrebbe confermare la scelta dell’assetto che prevede la presenza del trequartista alle spalle delle due punte, schieramento che nell’ultima partita ha creato più di una difficoltà ai partenopei quando Ranieri ha deciso di spostare Ramirez alle spalle del tandem offensivo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ragionevole attendersi una formazione ospite che pur non rinunciando all’idea di giocare a calcio disputi una gara di grande corsa e generosità nella quale provare a limitare la qualità di palleggio dei padroni di casa attraverso due linee, quella di difesa e centrocampo, ben strette ed un ricorso sistematico al pressing. In attacco la retroguardia azzurra dovrà prestare attenzione al costante movimento di Lapadula e Falco, splendida la sua realizzazione contro i granata, che non offrono punti di riferimento ai rispettivi marcatori e potrebbero portarli fuori zona aprendo spazi importanti per l’inserimento dei propri intermedi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

Torna su
NapoliToday è in caricamento