Notizie SSC Napoli

Contro gli azzurri: la nuova Fiorentina del tandem Chiesa-Ribery e dell’entusiasmo dei giovani

Si avvicina la prima giornata di campionato, che vedrà gli azzurri di Ancelotti debuttare al Franchi in una gara difficile

Frank Ribery in viola (foto Ansa)

Si avvicina Fiorentina-Napoli, match della prima giornata della nuova stagione di Serie A in programma sabato prossimo 24 agosto alle 20.45.

L'avversario del Napoli

Scampata la grande paura della retrocessione tra i cadetti solo all’ultima giornata dello scorso torneo, la Fiorentina ha vissuto gli ultimi mesi all’insegna della parola rivoluzione. Dopo diciassette anni i fratelli Della Valle hanno ceduto la proprietà del club a Rocco Commisso, imprenditore americano di origine calabrese che lega gran parte delle sue fortune alla tv via cavo Mediacom.

Biglietti Fiorentina-Napoli, prezzi e modalità di vendita

Il magnate italoamericano ha deciso di rinnovare la fiducia a Vincenzo Montella che dopo aver accettato di ritornare in riva all’Arno per subentrare a Pioli nello scorso mese di aprile, inizierà la stagione alla guida della prima squadra fin dalle prime battute potendo contare su un organico le cui caratteristiche tecniche possano maggiormente rispecchiare le sue idee calcistiche.

La nuova proprietà ha lasciato trasparire fin da subito la volontà di costruire una squadra che sul breve-medio termine sia in grado di ritornare a lottare per vincere, proposito brillantemente testimoniato dalla fermezza con la quale sono state respinte al mittente tutte le offerte presentate per Federico Chiesa, destinato a diventare, nei piani della società, la bandiera del club. Mentre la dirigenza continua a lavorare alacremente per portare a termine le operazioni necessarie a completare un roster che al momento si può definire work in progress l’allenatore napoletano ha iniziato a lavorare con i suoi giocatori schierandoli secondo i dettami di un 4-3-3 atipico in virtù di un tridente avanzato nel quale Kevin Prince Boateng si muove da centravanti di manovra affiancato ai lati, per il momento, dall’esterno della nazionale italiana e dal giovane Sottil. Buona la proprietà di palleggio e il senso geometrico della linea mediana rimpolpata dall’arrivo di Pulgar, autore di un’eccellente annata in quel di Bologna dove si è rivelato eccellente tiratore dagli undici metri che completano il reparto insieme a Benassi, giocatore di corsa e sostanza.

L’arrivo a parametro zero dal Bayern Monaco dello svincolato Ribery rappresenta sicuramente il colpo di mercato della società gigliata. Il francese porta in dote la classe cristallina derivante dal suo sconfinato talento, la tecnica di chi sa piazzare la giocata decisiva ma soprattutto l’esperienza e la leadership di un fuoriclasse che ha vinto titoli in serie nella sua lunga carriera, doti fondamentali per accompagnare la crescita di un gruppo dall’età media bassa. In attesa di completare l’organico con un difensore centrale e un centrocampista di qualità a cui potrebbe aggiungersi un laterale sinistro nel caso in cui Biraghi concludesse il suo passaggio all’Inter.

I toscani hanno affrontato il primo impegno ufficiale della nuova annata superando per 3-1 in rimonta il Monza nel terzo turno della coppa nazionale ritrovando così dopo più di sei mesi la vittoria casalinga che mancava dallo scorso trenta gennaio. A decidere le sorti del confronto la prepotente rimonta operata dai padroni di casa nel finale ed ispirata dall’ingresso dei giovani Vlahovic, autore della doppietta decisiva, e Montiel, due i passaggi vincenti regalati al compagno di reparto per il talento spagnolo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contro gli azzurri: la nuova Fiorentina del tandem Chiesa-Ribery e dell’entusiasmo dei giovani

NapoliToday è in caricamento