menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un Napoli non bello strappa un punto a Firenze. Ancora in gol Cavani

L'uruguaiano porta in vantaggio gli azzurri dopo pochi minuti, ma poi la Fiorentina prende campo, pareggia e trova un grande De Sanctis, che salva più volte il risultato. Polemiche sul goal dato al Napoli

Un punto d'oro quello strappato dal Napoli a Firenze, se si considera che è maturato sul campo di una potenziale diretta concorrente, nonostante una prestazione tutt'altro che bella da parte degli azzurri. E pensare che il match per Lavezzi e compagni era partito subito in discesa, grazie al gol di Cavani (da rivedere alla moviola poichè il pallone sembra non aver varcato interamente la linea di porta) di testa su perfetto cross di Dossena dopo appena 6 minuti. Il Napoli però commette il più grande errore che si possa fare, aspettando la Fiorentina rintanato nella sua metà campo, affidandosi esclusivamente ai contropiedi di Hamsik e Lavezzi, entrambi in giornata decisamente no. I viola prendono pian piano campo, soprattutto con i tre trequartisti Vargas, D'Agostino e Marchionni che fanno un pò quello che vogliono. Comincia il tiro al bersaglio verso De Sanctis, che nel secondo tempo si rivelerà maggiormente pericoloso. Il Napoli, però, dal canto suo riparte a sprazzi, sfruttando le folate offensive di Dossena che disputa un primo tempo di grandissima intensità e qualità. Le palle migliori capitano sui piedi di Hamsik, ma lo slovacco colpisce sempre male. L'occasione più pericolosa, però, capita sui piedi di Lavezzi al 40', ma il tiro del Pocho si stampa sulla parte superiore della traversa e carambola fuori. Si va negli spogliatoi con la compagine partenopea avanti di un gol. Al ritorno sul rettangolo verde di gioco, però, i viola sembrano indiavolati, mentre il Napoli appare molle e distratto, I toscani ristabiliscono la parità dopo appena 4 minuti: Gilardino difende benissimo il pallone da Paolo Cannavaro e lo appoggia all'indietro verso Gaetano D'Agostino che al limite dell'area fa partire un fendente che s'insacca nell'angolino alla sinistra di De Sanctis. Il Napoli non c'è più e si consegna completamente alla Fiorentina, ma De Sanctis salva letteralmente il risultato in due occasioni, prima su Vargas poi su Gilardino, da distanza ravvicinatissima. La partita s'incattivisce e al 67' Vargas rifila una testa sul volto di Campagnaro. Inevitabile il rosso. La superiorità numerica in favore del Napoli, però, dura appena 6 minuti: Aronica dà una sciagurata palla in orizzontale per via centrale, Blasi, già ammonito, è costretto ad intervenire in maniera scomposta su Marchionni. L'arbitro Gervasoni non ci pensa su due volte ed estrae il secondo giallo nei confronti del mediano di Civitavecchia. Al minuto 81 Mazzarri si ricorda finalmente di avere anche una panchina, e inserisce Zuniga in luogo di un esausto Cavani. Nei minuti successivi entrano anche Grava per Dossena e Lucarelli per Lavezzi, ma la partita scivola via senza ulteriori sussulti.

Fiorentina: Frey, De Silvestri, Kroldrup, Natali, Pasqual, Zanetti, Montolivo, Marchionni, D'Agostino (25' st Cerci), Vargas, Gilardino (40' st Babacar). A disp. Boruc, Comotto, Felipe, Donadel, Ljajic. All. Mihajlovic

Napoli: De Sanctis, Campagnaro, Cannavaro, Aronica, Maggio, Gargano, Blasi, Dossena (43' st Grava), Hamsik, Cavani (36' st Zuniga), Lavezzi (45' st Lucarelli). A disp. Iezzo, Santacroce, Maiello, Ciano. All. Mazzarri

Arbitro: Gervasoni di Mantova
Marcatore: 7' pt Cavani (N), 4' st D'Agostino (F)
Note: ammoniti Kroldrup, Lavezzi, Cavani, Campagnaro, Hamsik, Zanetti. Espulsi al 23' st Vargas (F) per gioco violento e al 29' st Blasi (N) per doppia ammonizione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento