menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Jorgensen beffa Albiol (foto Ansa)

Jorgensen beffa Albiol (foto Ansa)

Feyenoord-Napoli 2-1: addio Champions, gli azzurri 'retrocedono' in Europa League

Serata da dimenticare per gli uomini di Sarri, che chiudono l'esperienza nella massima competizione europea con una brutta prestazione, perdendo anche la possibilità di essere tra le teste di serie in Europa League

Il Napoli esce dalla Champions League e 'retrocede' in Europa League. Gli azzurri chiudono con una sconfitta, la quarta in sei partite, il group stage, regalando al Feyenoord in primi tre punti nella competizione.

Gli olandesi passano nel finale per 2-1, ma la prestazione degli uomini di Sarri è davvero da dimenticare. Non basta la contemporanea vittoria dello Shakhtar sul Manchester City (2-0 già a metà del primo tempo) per giustificare il brutto calo mentale avuto da Hamsik e compagni.

E dire che il match era partito nel migliore dei modi, con l'immediato vantaggio di Zielinski. Poi alla mezz'ora il pareggio di Jorgensen ha acceso il primo campanello d'allarme. Nella ripresa è arrivata la conferma della serata storta in casa partenopea, con il 2-1 finale subìto con i padroni di casa in 10 per l'espulsione di Vilhena.

La sconfitta porta un'altra 'rogna': chiudendo il girone a 6 punti, infatti, il Napoli non sarà tra le teste di serie in Europa League, essendo tra le peggiori terze. Sorteggi a Nyon lunedì 11 dicembre.

Nella gara d'andata dei sedicesimi, inoltre, prevista per il 15 febbraio, non ci sarà Mertens, causa squalifica.

"Ci siamo fatti condizionare pesantemente dalle notizie che arrivavano dall'Ucraina, ma a livello mentale è un grande errore - ha spiegato Maurizio Sarri al termine della partita ai microfoni di Mediaset Premium Sport - . Era un test importante giocare dovendo aspettare il risultato degli altri, ma lo abbiamo fallito. Vuol dire che dobbiamo crescere ancora. Affronteremo l'Europa League con grande determinazione e la onoreremo fino in fondo. Ora però pensiamo al finale di questo anno e a risolvere qualche problema che abbiamo. E' da qualche partita che la grande supremazia territoriale non si trasforma in pericolosità. Mi preoccupa il fatto che non si vedano certi movimenti e questo ci porta a essere molto meno pericolosi del solito".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Esplosione ai Colli Aminei, distrutto un negozio

  • Cronaca

    Lite finisce nel sangue, uomo ucciso a colpi di cric

  • Cronaca

    Riaprono i negozi: "Pochi clienti e molte attività sono già fallite"

  • Cronaca

    Tragedia in metropolitana: uomo travolto da un treno

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento