rotate-mobile
Notizie SSC Napoli

Napoli per lo scudetto, la grande attesa azzurra: l'appello di Spalletti ai tifosi | DIRETTA

Il piano sicurezza, i preparativi in città, l'entusiasmo della gente: tutti gli aggiornamenti in vista del grande evento

Ci siamo. E’ iniziato il lungo viaggio. Esattamente 33 anni fa il Napoli conquistava il secondo scudetto della sua storia, battendo la Lazio al San Paolo per 1-0, grazie alla rete di Marco Baroni. Anche stavolta, seppur in modo differente, tra gli azzurri ed il tricolore ci saranno i capitolini. Una mancata vittoria degli uomini di Sarri a San Siro contro l’Inter ed un successo di Di Lorenzo e compagni al Maradona nel derby contro la Salernitana, consegnerebbe aritmeticamente il titolo ai partenopei. La città non sta più nella pelle, l’attesa è febbrile. Fervono i preparativi a tutti i livelli, dalle istituzioni al singolo tifoso. NapoliToday aggiornerà i suoi lettori con notizie in tempo reale ed una lunghissima non stop di due giorni, fino alla tarda nottata tra domenica e lunedì, in caso di ‘buona novella’.

LA DIRETTA

LA DIRETTA DI DOMENICA 30 APRILE

Ore 22.30 - Il Napoli su Twitter: "Occhi puntati alle stelle ma piedi ben saldi per terra"

Ore 22.00 - Le strade del centro di Napoli invase da turisti e tifosi | VIDEO

Ore 21.15 - Esplode la festa in città: canti, balli e musica per strada | VIDEO

Ore 19.00 - Il Napoli ricorda la vittoria del secondo scudetto a 33 anni esatti dalla conquista

Ore 17.00 - Il Consolato USA di Napoli celebra gli azzurri: "Siamo pronti"

Ore 16.30 - Maurizio Sarri in conferenza stampa alla vigilia di Inter-Lazio: "Noi dobbiamo pensare alla nostra partita. La tavola è stata apparecchiata per la festa del Napoli, quindi è stata apparecchiata perchè noi non facciamo risultato. Il Napoli, tanto, la festa la farà lo stesso, speriamo il più tardi possibile"

Ore 15.55 - Spalletti al termine della conferenza stampa ha voluto rivolgere un appello ai tifosi in vista dei possibili festeggiamenti: "Se riuscissimo a vincere la partita e se questa partita dovesse determinare quello che sappiamo, bisogna saper vincere anche dopo la gara e dimostrare di sapersi divertire. Questo sport è dei bambini e tutti, me compreso, domani avremo i figli in giro per la città. Se qualcuno mette a rischio l'incolumità dei bambini, fa una cosa che non deve assolutamente fare. Sono soprattutto i bambini che devono festeggiare". 

Ore 15.30 - Luciano Spalletti ha parlato in conferenza stampa a Castel Volturno alla vigilia di Napoli-Salernitana: "Noi sappiamo da tempo quale deve essere la nostra direzione. Dobbiamo proseguire dritto nel nostro cammino, come abbiamo fatto fino ad ora. Noi saremo pronti a giocare la partita domani, saremmo stati pronti a giocarla oggi. E' una sfida estrema per noi, per la città. E' da tempo che vogliamo vivere queste partite qui, queste giornate qui. Ma dobbiamo viverle nello stesso modo di sempre, avendo chiaro quello che bisogna fare in campo. Noi non abbiamo affidato al prefetto o al fato quello che è stato il nostro campionato. Sono sicuro che riusciremo a fare la nostra partita, per quello anche che ho visto in allenamento. Non se basterà. Avremo davanti un avversario forte, apprezzo Paulo Sousa. Dobbiamo stare tranquilli e calmi a fare le stesse cose che abbiamo sempre fatto. Dobbiamo fare questi punti che servono e poi vedremo. Nell'allenamento di oggi la palla girava a 2000 all'ora". 

"Allegri e Sarri? Io non devo rispondere a nessuno, dico solo che il nostro campionato ce lo siamo costruiti in maniera corretta per quello che è il desiderio dei nostri tifosi. Ed è soprattutto a loro che dobbiamo pensare in queste partite qui. Loro sono stati davvero importanti in questo percorso e nel farci arrivare a questo punto, in questo finale di campionato. Ricordo quando è emersa la possibilità di venire al Napoli e ne ho parlato con i miei figli. Ho pensato subito che al Napoli non si potesse non andare. Poi si deve vincere e come ho visto dalle dichiarazioni di questi giorni, se non si vince se ne esce scontenti", ha proseguito il tecnico azzurro.

"Con i calciatori abbiamo fatto il massimo, abbiamo dedicato tutto il tempo possibile al Napoli. Se sono emozionato pensando a domani? Io mi emoziono facilmente. Domani probabilmente sarà ancora di più. Però noi cerchiamo queste così. Per noi e per Napoli questa qui è una sfida che va vinta. Se non vogliamo vivere queste situazioni qui, non bisogna fare calcio. Son tutte cose talmente estreme che vanno vissute nella realtà, non nelle previsioni. Al gol di Raspadori a Torino non mi sono mosso, sono rimasto fermo. Vediamo ai prossimi! Napoli è una città energica, a volte un pochettino folle, a volte vedendola da fuori si pensa che sia molto teatrale, fatta di cose non vere, non reali. Dal punto di vista mia, invece, è l'opposto. I napoletani vivono in maniera profonda, hanno la capacità di mandare messaggi facendo spettacolo. Mi hanno ricordato a volte di non aver vinto. Se questa attesa ha fatto sì che ciò dovessere avvenire con il Napoli, sono contento che sia andata così. Questa sarà una storia che si potrà raccontare. I miei ragazzi sono perfetti per fare calcio, sono umili, disponibili ad ascoltare. Quello che mi rende più orgoglioso, però, è aver visto nascere una sincera amicizia tra i componenti di questo gruppo", ha aggiunto Spalletti.

Ore 14.50 - L'allenatore della Salernitana Paulo Sousa in conferenza stampa: "Sullo slittamento della partita si è già espresso il nostro Presidente, come allenatore posso solo aggiungere che questo spostamento ha influenzato la preparazione della partita, i carichi di lavoro e cambiato anche la preparazione della gara successiva ma dobbiamo adattarci ed essere bravi a gestire tutto questo. In generale credo che sia necessario prendere decisioni all’altezza del livello del calcio italiano in Europa, ci vuole maggiore professionalità. Il nostro ambiente è convinto di poter competere contro qualsiasi avversario sia in casa che in trasferta e questo mi rende felice e orgoglioso per tutto il lavoro che stiamo facendo insieme. Siamo sempre più consapevoli dei nostri mezzi e dei nostri limiti e tutto questo mi dà fiducia per il futuro. Sono un grande estimatore di Spalletti, è un allenatore di altissimo livello che dà grande qualità al suo gioco. Il Napoli è meritatamente al primo posto in classifica, una squadra molto forte con grande circolazione di palla e mobilità. Dobbiamo essere fieri del nostro modello di gioco ed essere capaci di mantenere le nostre idee e la concentrazione sulla nostra strategia fino alla fine. Servirà spirito di sacrificio e capacità di fare continui raddoppi. Dobbiamo provare ad avere il possesso del pallone per più tempo possibile e proporre il nostro gioco. Bisogna avere il coraggio di fare le nostre cose, dobbiamo crederci consapevoli che possiamo metterli in difficoltà e che se saremo capaci di stare in partita fino alla fine possiamo vincerla. Sperando che la fortuna durante la partita sia sempre a nostro favore perché sappiamo che ci saranno momenti in cui bisognerà soffrire. Voglio vedere una squadra corta e aggressiva sia in blocco alto che in blocco basso. Sappiamo gli spazi che i nostri avversari ci possono concedere, sarà la nostra bravura a determinare se saremo capaci di mantenere un livello alto. In tutte le difficoltà che ci possono essere vedo delle opportunità di crescita. Voglio vedere una squadra corta e aggressiva sia in blocco alto che in blocco basso. Sappiamo gli spazi che i nostri avversari ci possono concedere, sarà la nostra bravura a determinare se saremo capaci di mantenere un livello alto. Domani per noi deve essere la partita più importante, non possiamo permetterci di pensare alle gare successive quindi la formazione non sarà condizionata dai prossimi impegni”.

Ore 14.08 - Seduta di allenamento mattutina per la squadra di Spalletti. Lavoro personalizzato per Politano e Mario Rui

Ore 13.15 - Napoli-Salernitana, al Maradona tornelli aperti dalle ore 12.00. La società invita i tifosi a recarsi allo stadio con largo anticipo

Ore 12.40 - Festa scudetto, allerta meteo di colore "giallo" per piogge e temporali in vigore dalle 20 di domenica 30 aprile su tutta la Campania

Ore 12.00 - Alla stazione del Fusaro spunta la scalinata tricolore

Ore 11.30 - Il Comune di Portici celebra il Napoli con un manifesto

Ore 11.00 - Sui social circola il volantino dei tifosi dell'Atalanta contro i festeggiamenti dei supporters azzurri a Bergamo: "Ci fai schifo pulcinella"

Ore 10.45 - Napoli verso lo scudetto, è corsa al Lotto: sul web spunta la cinquina azzurra

Ore 10.15 - Il ponte della Sanità diventa tricolore ai lati

Ore 08.00 - Il quartiere Arenella si prepara alla grande festa. Su un palazzo spunta un maxi striscione con Maradona

Ore 04.30 - Notte azzurra a Castel dell'Ovo: spettacolo di luci con proiezione dello scudetto e della scritta: "Grazie ragazzi"

Ore 02.00 - Napoli-Salernitana, Spalletti parlerà nella conferenza stampa di vigilia a Castel Volturno alle ore 15.00

Ore 01.30 - La prima pagina del Corriere dello Sport di sabato 29 aprile: "MondoNapoli"

Ore 01.15 - Il Napoli su Twitter cita Pino Daniele e mostra le immagini della città tinta d'azzurro

Ore 01.00 - L'appello degli Ultras Napoli 1972 in un volantino in vista di domenica: "Portate due bandiere, una personale ed un'altra per chi non c'è più e avrebbe meritato di esserci"

Ore 00.45 - Napoli-Salernitana, il club azzurro comunica le modalità di rimborso

Il piano sicurezza

Zona rossa in città dalle 14 di domenica: l'elenco delle strade in cui non si potrà circolare

Dal Comune di Napoli stop ai fuochi d'artificio e a bevande in bottiglie, lattine e plastica rigida

Il piano trasporti: metro Linea 1 e funicolari no stop

Il piano sanitario: health point, moto mediche, golf car e soccorritori appiedati

De Laurentiis: "Non ci sarà il giro in bus della squadra in città"

La città si prepara

Canti e balli in città, esplode la festa | VIDEO

Gli scudetti del Napoli proiettati sulla spiagga a Posillipo: le foto

Febbre scudetto: "Una stanza per due persone in città può arrivare fino a 1000 euro"

La squadra azzurra finisce al gran completo sul presepe a San Gregorio Armeno

Ecco "Pulcimhen": la maschera nata tra la fusione di quella di Osimhen e quella di Pulcinella

A Forcella uno scudetto gigante di quasi 20 metri

Corsa al Lotto: ecco la 'cinquina azzurra'

All'Arenella Maradona scende dal cielo e porta il terzo scudetto

I tifosi

L'appello della Curva A ai tifosi: "Ognuno porti una bandiera"

L'attesa dei tifosi azzurri a Londra: "Pronti a festeggiare a Trafalgar Square"

Nel cuore di Napoli è tutto pronto: "Sarà una festa esagerata"

L'appello degli Ultras 1972: "Portate una bandiera anche per chi non c'è più e avrebbe meritato di esserci"

Via San Giacomo dei Capri tra le strade più colorate di Napoli

Le istituzioni

Manfredi: "Napoli città che sa festeggiare"

De Luca: "Aiuteremo finanziariamente il Comune di Napoli per la festa scudetto"

Consolato degli Stati Uniti a Napoli, il messaggio ai cittadini americani

Emozioni azzurre

Alemao: "Peccato che Maradona non sia con noi. Sarebbe stato molto felice"

Di Lorenzo: "Sarà un'emozione incredibile essere il capitano che alzerà lo scudetto dopo Maradona"

La storia del Napoli dal 1990 al 1996: dall'addio di Maradona all'era di Cruz e Boghossian

La storia del Napoli dal 1996 al 1998: la maledetta finale di Vicenza e la retrocessione in B

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Napoli per lo scudetto, la grande attesa azzurra: l'appello di Spalletti ai tifosi | DIRETTA

NapoliToday è in caricamento