Notizie SSC Napoli

Donadel: "Sto benissimo. Darò il massimo per il Napoli"

Il centrocampista azzurro ha parlato a Radio Marte del suo ritorno in campo dopo i gravi problemi fisici che lo hanno tormentato nella scorsa stagione

Il centrocampista del Napoli Marco Donadel ha parlato a Radio Marte del suo ritorno in campo, dopo quasi un anno ai box, causa infortunio. "Quello scorso è stato un anno da dimenticare - spiega Donadel - . Quando succedono cose brutte, bisogna reagire e andare avanti. Ho rischiato grosso anche a livello di carriera, ora mi sento benissimo e gioco. Per me è una gioia immensa. Non mi voglio comunque lamentare anche se ho temuto di non poter giocare a calcio, sono felicissimo adesso. Ora sto cercando di lasciar perdere le cose brutte e concentrarci solo sulle cose positive. Guardo avanti".

"Noi l'anti-Juve? Dobbiamo essere sempre equilibrati, Mazzarri è bravo in questo a tenerci con i piedi per terra. Sappiamo di potercela giocare con chiunque, ma per arrivare in alto serve continuità. Anche un pareggio equivale a due punti persi. Noi non ci creiamo aspettative, siamo consapevoli del nostro valore. Abbiamo dato del filo da torcere alla Juve in Supercoppa. Abbiamo giocatori forti. I tifosi devono sognare, è giusto che sia così. La nostra gente è passionale. Per quanto mi riguarda, sono a disposizione. Farei pure il vice Cavani pur di giocare, ovviamente sono un mediano di rottura che garantisce ordine tattico".

"L'Europe League è una bella competizione. Se avremo fortuna, andremo avanti. Comunque noi saremo sicuramente una realtà. Non abbiamo paura di nessuno. La sosta è importante per accumulare energia nel serbatoio. Ora sto bene, ma adesso devo dimostrarlo. L'ambiente è eccezionale, l'obiettivo nostro è far rivivere atmosfere magiche tipo Napoli-Chelsea. Voglio ringraziare la gente che mi sostiene anche su twitter. Prima ero contrario ai social network, Behrami mi ha convinto. Cerco di utilizzarlo per dare informazioni fuori dal campo. Mi diverto anche a seguire miei idoli, tipo Jovanotti. I giovani forti sono anche uno stimolo per noi: si allena sempre a duemila all'ora. Crescono tanto e danno il massimo. Insigne ha qualità, può migliorare ancora. Fa davvero delle cose eccezionali. Non è da tutti. Lo vedo carico e maturo. In serie A non ci sono altri Cavani e Pandev, quindi Lorenzo sa bene il suo ruolo e lui è all'altezza di tutti. Per ora essere attaccante del Napoli non è da tutti".

"Siamo curiosi di capire il nostro valore, vedremo alla fine del girone d'andata, possiamo assolutamente dire che daremo il massimo e poi vedremo dove saremo. Preferisco da sempre dimostrare le cose e il discorso riguarda pure il mio rapporto con la città. Darò il massimo", ha concluso Donadel.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donadel: "Sto benissimo. Darò il massimo per il Napoli"

NapoliToday è in caricamento