menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Aurelio De Laurentiis

Aurelio De Laurentiis

Stadio a Bagnoli, dalla Municipalità: "Trovata mediatica di De Laurentiis"

Il presidente Diego Civitillo: "Proposta non in discussione. Negli ultimi dieci anni avrebbe dovuto costruire 10 diversi stadi in 10 diverse aree di Napoli e Provincia"

"L'ennesima trovata mediatica di De Laurentiis". Così Diego Civitillo, il presidente della X Municipalità di Bagnoli e Fuorigrotta, liquida l'uscita del patron azzurro a proposito di una "cittadella del Napoli" da costruire nel quartiere ex industriale.

"Ricordiamo tutti che secondo quanto dichiarato mezzo stampa – scrive Civitillo – negli ultimi dieci anni avrebbe dovuto costruire 10 diversi stadi in 10 diverse aree di Napoli e Provincia. Bagnoli ha bisogno di spiaggia, parco, spazi sociali, turismo ecosostenibile e sviluppo, ascoltando quelli che sono i bisogni della cittadinanza. De Laurentiis dovrebbe sapere che esiste un tessuto di cittadinanza e attivismo politico che da anni lotta affinché dopo 30 anni di nulla si realizzi il progetto Bagnoli e lo stadio non è tra le proposte in discussione".

"Sarei tra l'altro curioso di sapere – va avanti il presidente della X Municipalità – quali sono i politici con cui il patron del Napoli avrebbe stretto questi accordi riguardo l'area ex industriale, e quali i progetti proposti non essendo previsto dalla variante occidentale al piano urbanistico uno stadio a Bagnoli". S

"Sarebbe il caso di ricordare al presidente che un suo investimento sul territorio della X Municipalità potrebbe farlo per la gestione complessiva degli eventi del Calcio Napoli che si tengono allo stadio San Paolo e che generano non pochi utili nelle casse societarie. Sia in una logica di miglioramento della struttura e del servizio offerto, ma soprattutto in una logica di responsabilità sociale offrendo ai tifosi e ai cittadini non solo lo spettacolo interno allo stadio, ma soprattutto con il rinnovo dei canoni e nuovi accordi anche un servizio esterno a 360 gradi. Sarebbe una scelta molto più 'sostenibile' che eviterebbe ulteriore cementificazione, garantirebbe un aumento della qualità della vita dei cittadini napoletani e dei residenti di Fuorigrotta con ricadute sociali e territoriali molto più vaste e diversificate".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento