rotate-mobile
Notizie SSC Napoli

De Laurentiis al Financial Times: "Il mio obiettivo era vincere, pur rimanendo sostenibile finanziariamente"

Il presidente del Napoli ha rilasciato una lunga intervista per parlare della società azzurra

"Ho messo sul tavolo 37 milioni di euro solo per comprare un pezzo di carta. E abbiamo iniziato la nuova avventura. Non conoscevo le regole del calcio. Quando ho comprato il Napoli, per me, era un mondo completamente nuovo. Ma, per me, era importante mescolare film e sport, fornire contenuti per quella che era in passato la tv e ora le piattaforme. Abbiamo avuto successo perché ho iniziato ad applicare al mondo del calcio ciò che ho imparato dal mondo del cinema in molti anni. Il mio obiettivo era vincere, pur rimanendo sostenibile finanziariamente". Così Aurelio De Laurentiis ha parlato del modello Napoli nel corso di una lunga intervista rilasciata al Financial Times.

Gli addii nell'estate 2022

"Mi è stato chiesto quale fosse il mio obiettivo quest'anno e perché avevo lasciato andare i giocatori più importanti e ingaggiato persone sconosciute. La loro voglia di vincere era esaurita. Non ci credevo più. Forse mi sbagliavo. Ma io sono il proprietario. Quando ho detto che il mio obiettivo era vincere lo scudetto, sembrava che stessi bestemmiando. Ma abbiamo vinto. Questo Napoli ha un gruppo, non una singola stella". 

Il futuro del calcio

“Il calcio italiano non progredisce perché le decisioni non vengono prese in fretta. Quando sei un fondo di investimento, cosa sai della gestione di un calciatore? Il problema è che il calcio è composto da due mondi: uno è sport, l'altro industria. Se non vinci, ai tifosi non importa se sei bravo nel bilancio. Loro preferiscono che tu fallisca, ma devi vincere". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Laurentiis al Financial Times: "Il mio obiettivo era vincere, pur rimanendo sostenibile finanziariamente"

NapoliToday è in caricamento