Napoli, De Laurentiis: "L'obiettivo è la sopravvivenza". Giuntoli: "Meret resta con noi"

Il presidente e il direttore sportivo azzurro hanno parlato nel corso della conferenza stampa di fine ritiro

De Laurentiis

"Qui in Abruzzo abbiamo trovato varie eccellenze. C’è stata grandissima concentrazione, ognuno nei propri ruoli. Ringraziamo il Governatore Marsilio e il Sindaco Caruso per questo posto ‘sensational’. Ringrazio tutti coloro che hanno collaborato, in questo momento particolare come quello che stiamo vivendo causa Covid. Dell’Abruzzo mi è piaciuto tutto. L’accoglienza, poi, è stata straordinaria". Così Aurelio De Laurentiis ha parlato in conferenza stampa a Castel di Sangro, a chiusura di ritiro.

Dal presidente del Napoli è partita una nuova staffilata alla Uefa: "Spero che non rientri nessuno dei miei nazionali positivi, perché altrimenti per la Uefa saranno guai. Parlerò con i fatti, con gli avvocati". 

"Non ho rimpianti da quando ho acquistato il Napoli. I momenti più belli sono tutti quelli vissuti fino ad ora, non ce n’è uno in particolare. C’è molto da fare, c’è da cambiare il calcio. Riapertura stadi? In Campania ci sono le elezioni, speriamo che dopo il 21 settembre San Gennaro ci metta la mano e convinca qualcuno a riaprire il San Paolo al 50%. Il nostro obiettivo è la sopravvivenza, in un contesto di stupidità con un campionato falsato. Quando non sarà più così, allora ne riparleremo. Non sappiamo ancora che campionato sarà. In Italia si ama molto la chiacchiera. Se non si riaprono gli stadi, il campionato è falsato. Se si gioca ogni tre giorni, è falsato. Ricandidatura di Nicchi? E’ supportato da Lotito, che mi è molto simpatico, ma la testa non la cambia. Appartiene alla prima repubblica​", ha aggiunto il patron azzurro.

Mercato e cantera

"Koulibaly? Difficile che si alimenti una negoziazione seria con il Manchester City, se loro sostengono che non possono parlare con me dopo il problema Jorginho. Fabian Ruiz? Non ho notizie di grandi richieste. Le richieste si fanno mettendo le offerte sul tavolo. La cantera? Con gli anni mi sono chiesto se possa essere produttiva o meno. Viviamo in un mondo difficile. Non so se vale la pena fare investimenti. Preferisco prendere un giovane cresciuto altrove". 

Di mercato ha parlato anche il ds Cristiano Giuntoli: “Il mercato deve ancora cominciare. Ci sono tutte situazioni molto lontane, per adesso. Meret? Ci siamo incontrati con l’agente. E’ molto contento di stare con noi, non sono arrivate offerte. Può diventare un campione e può farlo a Napoli. Tutino ha tante offerte e tante richieste. Milik, nonostante sia in scadenza, è un attaccante che ha sempre grande valore. Siamo molto tranquilli e sereni. Lozano sta facendo un percorso di crescita con Gattuso, siamo contenti e pensiamo che nel 4-2-3-1 possa esprimersi al meglio. La volontà del mister è quella di avere più moduli per essere imprevedibile".

Presenti anche le istituzioni locali, il sindaco di Castel di Sangro Caruso ed il Governatore dell'Abruzzo Marsilio, che ha dato già appuntamento al prossimo ritiro: “L’anno prossimo sarà un’edizione molto più bella e più ricca di quest’anno, causa Covid". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Com'è morto Maradona: il chiarimento del medico legale

Torna su
NapoliToday è in caricamento