Notizie SSC Napoli

La provocazione di De Laurentiis: "Abolirei le curve"

Il presidente del Napoli al convegno "La riforma del calcio" organizzato dalla Lega Pro. Sul rinnovamento degli impianti: "I tifosi mi hanno detto: nel nuovo stadio non faccia costruire i seggiolini se no li spacchiamo"

De Laurentiis © Tm NewsInfophoto

"Prima di fare gli stadi dobbiamo liberalizzare il rapporto tra club e tifosi. Il club stabilisca un decalogo con regole alle quali tutti devono attenersi per venire allo stadio. Io devo valutarti e farti le analisi. Dobbiamo stabilire una legge che ci permetta di sapere chi sono i fruitori di questo luogo pubblico straordinario". Con queste parole il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, è intervenuto al convegno 'La Riforma del calcio professionistico', organizzato dalla Lega Pro a Roma presso la Scuola Superiore di Polizia.


"Se potessi costruire un nuovo stadio abolirei le curve – ha aggiunto il patron partenopeo - I miei tifosi sono venuti da me mi hanno detto nel caso di una ristrutturazione del San Paolo: 'presidente se lo fa costruisca i gradoni perché noi i seggiolini li spacchiamo'. Ho risposto: 'ma le norme Uefa ce li impongono addirittura di 33 centimetri e non da 25 come li abbiamo ora''. "Rummenigge (dirigente del Bayern Monaco, ndr) - ha raccontato il presidente - mi ha detto molto preoccupato che loro hanno solo 300 tifosi di curva che vogliono venire da noi per imparare a fare casino". "Da quando ho preso il Napoli in Serie C ho capito che nel calcio c'é la diseducazione dei frequentatori, delle famiglie che istigano la provocazione sul campo", ha sottolineato quindi De Laurentiis. (Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La provocazione di De Laurentiis: "Abolirei le curve"

NapoliToday è in caricamento