Notizie SSC Napoli

Covid-19, la linea dura di De Laurentiis: avrebbe imposto ai tesserati stranieri di restare a Napoli

Mentre Juventus e Inter hanno accordato permessi per lasciare rispettivamente Torino e Milano - emblematico il caso di Gonzalo Higuain - la politica di Aurelio De Laurentiis pare essere diversa. Le ragioni

Aurelio De Laurentiis

Gli allenamenti sono posticipati fino a data da destinarsi, ma tutti restano a Napoli fino a nuove eventuali disposizioni. È quanto il Napoli ha deciso a proposito dei suoi tesserati non italiani nel pieno dell'emergenza per il Covid-19.

 

Mentre Juventus e Inter hanno accordato permessi per lasciare rispettivamente Torino e Milano - emblematico il caso di Gonzalo Higuain - la politica di Aurelio De Laurentiis pare essere diversa.

Napoli, attività sospesa fino a data da destinarsi

Secondo l'edizione online di Sportmediaset, il patron azzurro avrebbe imposto agli stranieri di restare a Napoli, e questo soprattutto perché un'eventuale partenza comporterebbe per i giocatori un isolamento di 14 giorni al momento del loro arrivo in patria, ed un'ulteriore e uguale quarantena al rientro in Italia. Tempi troppo lunghi per chi spera che il campionato possa riprendere il prima possibile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid-19, la linea dura di De Laurentiis: avrebbe imposto ai tesserati stranieri di restare a Napoli

NapoliToday è in caricamento