menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Maradona in allenamento sui campi del Centro Paradiso (foto Ansa)

Maradona in allenamento sui campi del Centro Paradiso (foto Ansa)

Centro Paradiso di Soccavo, ipotesi e proposte: dall'azionariato popolare all'acquisto da parte della Regione

Le ipotesi per far uscire dallo stato di abbandono e degrado quella che è stata la storica casa del calcio Napoli fino all'estate del 2004

L'addio a Diego Armando Maradona ha fatto tornare di grande attualità la questione dell'abbandono del Centro Paradiso di Soccavo, storica casa del calcio Napoli fino all'estate del 2004, anno del fallimento della vecchia società partenopea.

A battersi da tempo per una riqualificazione del centro sportivo napoletano ci sono i ragazzi del comitato Centro Paradiso, che nella giornata di martedì sono stati ricevuti dall'assessore comunale allo sport Ciro Borriello per presentare un dossier e chiedere di avviare un processo che chiarisca l'identità della proprietà del centro sportivo di Soccavo, ancora tutt'oggi oscura.

"La struttura - spiega il comitato sulla sua pagina social - non rientra nel fallimento della SSC Napoli risalente al 2004, ma è divisa tra quattro società (due di Brescia, una di Roma e una di Napoli), tutte interessate in uno stato di fallimento o di liquidazione. La cosa che complica ancor di più le cose è il contenzioso tra Ferlaino e Corbelli. Dall'Assessore abbiamo ottenuto l'impegno di mettere a disposizione della causa l'avvocatura comunale, per attingere informazioni nei tribunali di appartenenza delle società e interfacciarsi finalmente con i proprietari. Il primo passo, obbligatorio, è la richiesta della messa in sicurezza dello spazio, successivamente avanzeremo la proposta dell'azionariato popolare, ovvero creare un ente dove cittadini e tifosi possano acquistare una singola quota dello stesso".

Un'altra proposta arriva dal consigliere regionale campano Pasquale Di Fenza: "Nella seduta del 30 novembre 2020 è stato presentato un ordine del giorno a mia firma per impegnare la giunta regionale ad incaricare un gruppo di professionisti, mediante bando ad evidenza pubblica, per svolgere un esame ricognitivo tecnico-amministrativo finalizzato all’acquisto del bene da parte della Regione Campania, da destinare ad un museo calcistico con annessa struttura ricettiva”. 

"Riqualificare il Centro Sportivo Paradiso - spiega il consigliere regionale dei Moderati - significa non solo onorare la memoria del campione Diego Armando Maradona, ma anche restituire alla città uno spazio di aggregazione sportiva e culturale. In questi giorni il Centro è diventato un vero e proprio monumento a Maradona: un luogo dove in tanti si sono ritrovati per esprimere non solo l'amore verso il campione ma per chiedere finalmente di accendere i riflettori su una storia di degrado che continua da anni”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Mina Settembre, anticipazioni puntata 31 gennaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento