rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021

Cannavaro lascia la Cina: "Voglio allenare in Italia. Sogno il Napoli"

L'ex capitano della Nazionale: "Mi mancava la famiglia e con il Covid era diventato troppo difficile. A tutti piacerebbe allenare gli azzurri, ma Spalletti è un grande. Osimhen? Come lui non ce ne sono in giro"

"In Cina stavo benissimo, ma la mancanza della famiglia era diventata troppo forte". Così Fabio Cannavaro ha deciso di lasciare la guida tecnica del Guangzhou Evergrande e 15 mesi di stipendio. Lo attende l'Europa, preferibilmente l'Italia. Magari il Napoli: "Sono sempre stato un tifoso degli azzurri, ma adesso c'è un allenatore bravissimo, che conosco bene e che fa giocare a meraviglia le sue squadre, anche se a volte passa per antipatico". 

Lo scudetto, Insigne, Osimhen, Cannavaro spazia su tutto l'universo Napoli: "In questo momento la squadra è esaltante, ma bisogna vedere cosa accadrà nei momenti difficili. C'è la Coppa d'Africa, per esempio, e la squadra perderà elementi fondamentali. Osimhen ha avuto tante difficoltà all'inizio, ma adesso è un attaccante completo e come lui in Europa non ce ne sono. Lorenzo è figlio di Napoli e sa cosa vuol dire giocare per questa maglia. Anche se il contratto è in scadenza sono convinto che farà la scelta giusta" .

Sei anni in Cina, dove ha vinto campionati e Champions asiatiche e una voglia matta di mettersi in gioco nel grande calcio: "Ci sono stati contatti anche recenti con squadre italiane. Voglio mettere in pratica le mie idee. Gico prevalentemente con il 4-3-3, ma ho provato anche altri moduli. Voglio un progetto ambizioso, anche in corsa, non metto limiti".

Cannavaro a Napoli (foto De Cristofaro-NT)

Sullo stesso argomento

Video popolari

Cannavaro lascia la Cina: "Voglio allenare in Italia. Sogno il Napoli"

NapoliToday è in caricamento