CALCIOMERCATO NAPOLI - De Laurentiis: "Dobbiamo mettere a posto attacco e terzini"

Il patron azzurro svela i reparti in cui si cercheranno rinforzi

De Laurentiis

Al termine di Napoli-Inter, Aurelio De Laurentiis ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli ha fatto il punto sul futuro azzurro, parlando anche di calciomercato: "Cosa rispondo a chi diceva che il Napoli di Ancelotti non ha gioco? Lasciamoli parlare, non togliamo la parola ad altri. Tutti hanno diritto di parlare e di dire cose inesatte. Sappiamo di avere tanti giocatori bravi, poi la stagione a volte ti presenta il conto, qualcuno non a posto, un allenatore nuovo che deve conoscere i giocatori, ma il giudizio non è uniforme perché mica affronti sempre la stessa squadra".

Il presidente azzurro è ampiamente soddisfatto dell'operato del tecnico: "L'allenatore è stato bravissimo, ha pensato al bene del Napoli per un progetto lungo, non per un punteggio stratosferico per mettersi in competizione col precedente allenatore. E' stato un secondo posto con 13 punti di vantaggio sull'Inter, siamo una seconda Juventus a questo punto. E vediamo l'anno prossimo cosa faranno. Il distacco con i bianconeri magari può essere alla fine anche sotto i 10 punti".

Sul mercato De Laurentiis ha anticipato i reparti in cui si cercheranno rinforzi: "Abbiamo bisogno di mettere a posto attacco ed i terzini. Quando saranno messi a posto, allora diventeremo ancora più competitivi. Una certa parte di tifoseria guarda sempre alla Juventus, battere la Juventus, ma noi dobbiamo fare il nostro campionato e non dobbiamo vedere sempre in casa della Juventus che va avanti da 120 anni con la stessa società e sono sempre stati molto aiutati perché sono stati, da altri punti di vista, i padroni dell’Italia. E' complesso giocarsela. Napoli non ha le stesse risorse, come anche la città non ha le stesse risorse di Torino. Lì fanno 5 milioni di incassi con l'Ajax per 35mila posti, noi 2 milioni con 40mila e la differenza si vede sul mercato e quindi bisogna usare il cervello per prendere i giocatori giusti. I tifosi è giusto che facciano certi ragionamenti, ma vorrebbero che uno si indebitasse per prendere Messi e Icardi per rispondere all’acquisto di Ronaldo. È difficile anche convincere alcuni giocatori e alcune mogli a venire a Napoli perché la città non gode di ottima pubblicità per il clima di serenità e di giustizia che si respira. Noi abbiamo fatto un lavoro esemplare e continueremo così. Abbiamo 40 milioni di tifosi che ci apprezzano e possiamo diventare 80 milioni perché dobbiamo esplorare ancora Oriente e Australia. 80 milioni sono tanti, non sono i 500 della curva che contestano".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavatrice: gli errori che non sai di commettere, ma che paghi in bolletta

  • Gianluca Manzieri: "Ho dovuto trovare la forza e il coraggio per affrontare il male e per sconfiggerlo"

  • Regionali Campania 2020, i risultati: Partito Democratico primo partito

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - A centrocampo può restare Palmiero: "Decidono Gattuso e Giuntoli"

  • Giuseppe Vesi: "Non ci sono scuse per quello che ho fatto. Ora non esco di casa perchè ho paura"

  • Improvviso (e imprevisto) temporale su Napoli: tregua dall'afa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento