rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Notizie SSC Napoli

Calaiò: "Nel mio Napoli facevamo di tutto per la maglia. Chi non lo faceva, veniva messo al muro"

Parla l'ex attaccante azzurro

"Purtroppo al Napoli contro il Sassuolo è mancata lucidità. Se passi in vantaggio al 90’, dopo una partita in cui hai rischiato seriamente di perdere, una grande squadra porta i 3 punti a casa. Manolas non può fare quel fallo al 93’, ma non si può perdere nemmeno una palla da rimessa laterale come fatto da Di Lorenzo e Bakayoko. I calciatori non sbagliano di proposito, ma dovrebbero ricordarsi che senza Champions sarebbe una stagione fallimentare. Invece mi sembrano tutti poco lucidi". Così l'ex attaccante del Napoli Emanuele Calaiò ha parlato dell'attuale momento degli azzurri ai microfoni di 1 Station Radio, nel corso della trasmissione "Un sogno nel cuore".

"Mancano calciatori di esperienza, leader veri, come lo erano Reina, Hamsik ed Albiol. Insigne è il capitano per tanti motivi, ma non di certo perché è un leader caratteriale. Anzi, è un ragazzo molto sensibile. Anche Gattuso ha commesso i suoi errori, nessuno è scevro da sbagli e responsabilità in questa stagione. Anche la società e colpevole, così come i calciatori che vengono pagati profumatamente e puntualmente, e non devono permettersi questi cali di concentrazione. Se Maksimovic commette quegli orrori in difesa, come possiamo incolpare Rino? Menomale che c’è Zielinski in questo Napoli, che è uno dei pochi, insieme a Lozano ed Insigne, che porta avanti la baracca. Ma proprio Piotr è lo specchio di questo squadra: un talento troppo discontinuo. Per le sue doti potrebbe giocare tranquillamente nel Real Madrid o nel Manchester City", ha aggiunto l'attuale responsabile del settore giovanile della Salernitana.

Chiusura con un ricordo del suo Napoli: "Nel mio Napoli facevamo di tutto per la maglia, nonostante partimmo dai campi di Serie C come Gela. Noi eravamo attaccati alla maglia, la sudavamo e ci impegnavamo sempre gettando il cuore oltre l’ostacolo. Chi non lo faceva, veniva messo fisicamente al muro. Al Napoli di oggi manca proprio questo. Non c’è attaccamento alla maglia e non c’è gente come, alla mia epoca, erano Iezzo e Montervino che a muso duro negli spogliatoi risolvevano i problemi. Bisogna rifondare la squadra e mandare via quei calciatori che, stando da troppi anni, hanno perso stimoli". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calaiò: "Nel mio Napoli facevamo di tutto per la maglia. Chi non lo faceva, veniva messo al muro"

NapoliToday è in caricamento