menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto Ansa)

(foto Ansa)

Cagliari-Napoli, Milik la risolve con un gioiello

Partita aspra, Milik costruisce buone occasioni ma è sfortunato e poco incisivo. Poi allo scadere il polacco sfodera un sinistro da campione su tiro da fermo. Napoli ancora in corsa nel torneo nazionale

A Cagliari Ancelotti cambia tutto, schierando un insolito 4-5-1 con il solo Milik supportato da Fabian Ruiz e Ounas. Gli azzurri sono padroni del campo fin dai primi minuti, ma poco concreti. Milik e Fabian Ruiz vanno vicini al gol in momenti diversi della gara, ma anche i sardi si rendono pericolosi. La partita è tutto sommato equilibrata, con Ounas che sembra ispirato e a un passo dal salto di qualità per diventare un ottimo elemento. 

LA GARA MINUTO PER MINUTO


Nella ripresa gli azzurri sono più aggressivi e costruiscono una montagna di palle gol: sfortunato Milik, che a venti minuti dal termine colpisce la traversa con un poderoso colpo di testa. Il Cagliari arretra e si difende a pieno organico: sono molti gli azzurri che vanno vicini al gol: Fabian, ancora Milik, Zielinski. Ancelotti inserisce Mertens e Insigne e lascia il centravanti polacco in attacco con i nuovi entrati, cercando di vincere per non concedere alla Juventus un vantaggio in classifica che sancirebbe la fine del campionato già a dicembre. Ci pensa Milik al novantesimo minuto: punizione deliziosa del polacco, che si infila alle spalle di Cragno. Gol meritatissimo per Arek Milik, autore di una prestazione sontuosa, a cui mancava solo la firma d'autore. Il Napoli con la vittoria in Sardegna resta aggrappato alla Juventus, con qualche residua speranza di rientrare nel discorso scudetto. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento