Ancelotti: "Napoli merita uno stadio all'altezza. Questo il motivo della mia esternazione"

Il tecnico azzurro ha parlato in conferenza stampa a Castel Volturno alla vigilia del match con la Samp

Ancelotti

"La città di Napoli merita uno stadio all'altezza. Per questo motivo ho voluto esternare il mio pensiero ed il mio stato d'animo, con il cuore, sulla questione spogliatoi. Sabato non ci saranno problemi, ma è un peccato che con un impianto rinnovato si debba arrivare con l'acqua alla gola a finire gli interventi a poche ore dalla prima partita interna. Gli spogliatoi non li ho visti io direttamente, ma l'altro giorno ho mandato un mio collaboratore a vederli. Ma in precedenza ho avuto modo di visitare lo stadio ed è stato fatto un bel lavoro, è diventato più confortevole". Così Carlo Ancelotti, parlando in conferenza stampa a Castel Volturno alla vigilia di Napoli-Sampdoria, ha chiarito le sue parole sui lavori allo Stadio San Paolo, che hanno generato molte polemiche negli ultimi giorni. 

Il tecnico ha parlato anche delle possibili scelte di formazione: "La condizione della squadra è buona, anche i nazionali rientrati non hanno avuto problemi. Milik e Insigne hanno iniziato a lavorare con la squadra e i problemi fisici sono superati. Deciderò, poi, se sarà il caso di convocarli per la Samp. Lozano è rientrato ieri, si allenerà oggi, ma non ha problemi. Posso dire già oggi che ci saranno delle rotazioni in questo ciclo ravvicinato di partite. Llorente può giocare 90 minuti? Dipende da quello che un allenatore chiede ad un calciatore. E' a disposizione della squadra, che ha qualità e caratteristiche diverse dagli altri attaccanti. Potrebbe anche giocare dall'inizio, magari non giocherà tutto il match, ma potrebbe partire titolare. La condizione di Milik è buona, parlerò con lui, è completamente recuperato. Parlerò con lui e decideremo".

L'allenatore azzurro ha parlato anche della questione modulo: "Il sistema di gioco va valutato quando la squadra non ha la palla. Ed in questo caso non ci siamo mai schierati con il 4-2-3-1, ma con il 4-4-2. Ruiz ha fatto lo stesso tipo di lavoro del centravanti in fase difensiva". 

Ancelotti non teme distrazioni a tre giorni dal Liverpool: "Sono certo che la squadra non penserà alla partita di Champions, ma solo alla Sampdoria, che è una partita molto importante. Il Liverpool, poi, è forse una delle squadre che conosciamo meglio per averla affrontata più volte. A quel match ci penseremo dopo la Samp".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio

  • Lutto nella moda, scompare la signora Di Fiore Settanni: era emblema dello stile caprese

  • Lutto in casa Napoli: si è spento Mistone, terzino in azzurro negli anni '50 e '60

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Cosa ci fa una cuccia al centro di Piazza Garibaldi? La risposta

Torna su
NapoliToday è in caricamento