Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Parte il Napoli Bike Festival: 300 ciclisti nei luoghi più belli

 

Oltre trecento ciclisti provenienti da diverse regioni d'Italia ieri, domenica 10 marzo, hanno partecipato alla prima Randonnée di Napoli, primo appuntamento del Napoli Bike Festival 2019. I partecipanti ai due percorsi cicloturistici (il primo da 100km il secondo da 200km) hanno potuto ammirare le bellezze del territorio attraversando piccoli e grandi comuni della provincia.

I partecipanti sono partiti alle 7 dal Circolo Ilva di Bagnoli. La Randonnée di Napoli ha abbracciato 22 Comuni in un percorso che ha toccato, tra gli altri posti, il Lungomare, Capodimonte, il Parco Nazionale del Vesuvio, i Campi Flegrei, la Domitiana fino a Castelvolturno. Questo primo appuntamento del Napoli Bike Festival è stato dedicato al campione ciclistico Michele Scarponi, e proprio con la Fondazione a lui dedicata, l'associazione Napoli Pedala, organizzatrice del festival, sta lavorando sui temi della sicurezza stradale per ciclisti, pedoni e soggetti deboli.

I ciclisti durante il percorso hanno potuto fermarsi in diversi punti di ristoro dove hanno potuto mangiare e riposarsi. "E' stato un grande successo - spiega Luca Simeone presidente di Napoli Pedala - Adesso ci aspetta la ciclostorica “La Vulcanica“, il 12 maggio, e poi il 2 giugno apre il village del Napoli Bike Festival per la Festa della Repubblica delle bici per la prima volta nel Parco di San Laise ex area Nato di Bagnoli, dove ci saranno prove bici con i migliori marchi e rivenditori campani e nazionali, area dibattiti, gare, concerti, presentazioni libri e tutto quanto possa alimentare un nuovo modo di pensare alla mobilità".

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento