menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Leandro è con il morale a pezzi" Meglio che cambi aria

"Leandro è con il morale a pezzi. Ieri sera dopo la gara di Palermo mi ha telefonato chiedendomi se fosse diventato tanto scarso da meritare la tribuna", parla il procuratore di Leandro Rinaudo, l'uomo da 6,3 milioni di euro costretto a non giocare, "non abbiamo mai capito il perchè"

"Leandro è con il morale a pezzi. Ieri sera dopo la gara di Palermo mi ha telefonato chiedendomi se fosse diventato tanto scarso da meritare la tribuna. E' un momento delicato ed il giocatore è meglio che cambi aria, che vada via da Napoli", lo ha detto il procuratore di Leandro Rinaudo, Beppe Accardi, ai microfoni di radio Marte.

"Il problema  è che oggi come oggi poche squadre possono permettersi di spendere i soldi che il Napoli ha investito per comprare il giocatore l'anno scorso (6,3 milioni di euro). Rinaudo è sempre stato al posto suo, non ha mai dato problemi ma se il Napoli non gli ha mai dato la possibilità di esprimersi con continuità che lo ha comprato a fare? Ce lo siamo chiesti spesso io e il giocatore. L'anno scorso, dopo appena tre giorni di ritiro, Reja disse a Leandro che era stato lui a volerlo fortemente in squadra, ma che nel Napoli c'erano delle gerarchie da rispettare e che avrebbe quindi dovuto allenarsi e aspettare il proprio turno. Avevano speso tutti quei soldi per non farlo giocare. Non abbiamo mai capito il perché ".

"Se andrà a Bari? Decide il Napoli ma non è semplice piazzare un giocatore il cui cartellino vale tutti quei milioni", ha concluso il procuratore.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento