Sport

Immobile-Cairo, scintille social. Il patron granata: "Non l'ho riscattato perché ho capito chi è"

Il calciatore ha riportato che a fine Lazio-Torino Cairo gli avrebbe imputato di aver giocato col "sangue agli occhi" e all'andata col Covid

Immobile e Cairo (da foto Ansa)

Pesante, il botta e risposta sui social tra l'attaccante della Lazio Ciro Immobile e il presidente del Torino Urbano Cairo. I due si sono scontrati al termine del match di ieri tra biancocelesti e granata. Una partita terminata 0-0, che ha regalato finalmente la salvezza alla squadra di Nicola.

Il calciatore di Torre Annunziata ha postato sui suoi account social un lungo messaggio per respingere alcune accuse di cui, a suo dire, sarebbe stato fatto oggetto a fine partita da parte del presidente del Torino.

"Al termine della partita di questa sera il Presidente del Torino Urbano Cairo mi ha raggiunto all'ingresso dello spogliatoio della Lazio iniziando ad offendermi, a scagliarsi verbalmente nei miei confronti rivolgendomi gravi accuse infamatorie, accusandomi di aver giocato la partita con "il sangue agli occhi", e altre cose riguardanti anche la gara d'andata di questo campionato disputata contro il Torino, arrivando perfino a dirmi che ho giocato quella gara positivo al Covid", ha spiegato Immobile. "Non smetterò mai di ringraziare il Presidente Cairo per avermi dato la possibilità di consacrarmi nel Torino come calciatore, ma non posso sorvolare su un episodio che oltrepassa la dimensione calcistica. Tutti sanno chi è Ciro Immobile; un calciatore, sì, ma soprattutto un uomo rispettoso delle regole e dei principi della lealtà. Non posso tollerare ingiurie ed infamie che diffamino, senza alcun valido motivo, la mia persona".

La replica di Urbano Cairo è arrivata proprio sui social. "Ciro Immobile mi ha attaccato dal suo profilo Instagram dopo la partita con la Lazio. Ho risposto al suo post e pubblico il testo anche qui. Ciro Immobile mi accusa di averlo affrontato a fine gara e sostiene che tutti sanno chi è Ciro Immobile. Ebbene...Anch'io so chi è Ciro Immobile. Un calciatore che è venuto al Torino dopo un campionato deludente al Genoa per rilanciarsi. Ventura gli ha dato fiducia e lui ha fatto bene al Toro. Io pensavo che rimanesse volentieri almeno un altro anno e lui, Ciro Immobile, invece ha fatto il diavolo a quattro per andare al Borussia Dortmund. Ha avuto un altra stagione deludente e il Borussia lo ha prestato al Siviglia. Anche lì, Ciro Immobile, non è andato bene e allora mi ha telefonato e mi ha chiesto per favore di tornare al Toro. Io, che gli ero affezionato, l'ho accontentato. Ha fatto un girone di ritorno non molto brillante, ma io che ci tenevo molto a lui, lo avrei voluto riscattare comunque. Ma lui, Ciro Immobile, questa volta non mi ha chiamato personalmente, ma mi ha fatto dire dal suo procuratore che per motivi personali non poteva restare a Torino. E allora non l'ho riscattato perché ho capito chi è Ciro Immobile...".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Immobile-Cairo, scintille social. Il patron granata: "Non l'ho riscattato perché ho capito chi è"

NapoliToday è in caricamento