rotate-mobile
Calcio

Il Sorrento accoglie il Brindisi, è sfida tra neopromosse: la stagione dei biancazzurri

Allo Stadio Italia arriva il Brindisi che ha agguantato la Serie C con la vittoria nello spareggio contro la Cavese

Terza giornata del Gruppo 3 della Poule Scudetto alle porte, il Sorrento di Vincenzo Maiuri va a caccia della qualificazione al turno successivo. Archiviato il successo sul campo del Catania, per i rossoneri c’è in programma il ritorno allo Stadio Italia. La squadra ritroverà il suo fortino e la sua tifoseria per la prima volta dopo la vittoria del campionato. Sul cammino dei costieri ci sarà il Brindisi di Ciro Danucci, reduce dal tris promozione rifilato alla Cavese nello spareggio di domenica e dalla sconfitta casalinga con gli etnei nella seconda gara della competizione riservata alle squadre vincitrici. In virtù della mini-classifica, al club di patron Cappiello basterà uno sforzo minimo per conquistare il pass per le semifinali. Anche un pareggio infatti proietterebbe i campani alla fase eliminatoria. Tuttavia, la squadra di Maiuri ha dimostrato, nel corso della stagione, di non fare troppi calcoli e cercherà di ottenere altri tre punti, questa volta davanti al proprio pubblico.

La stagione del Brindisi

Come per il Sorrento, anche il Brindisi ha vissuto una stagione importante. Dopo un’annata passata ad inseguire, la compagine pugliese è riuscita a completare la rimonta sulla Cavese al fotofinish, battendo gli avversari nello spareggio giocato, allo Stadio Razza di Vibo Valentia. Un traguardo prestigioso tagliato dai biancazzurri, autori di una prima parte di campionato altalenante e da un girone di ritorno con una marcia impressionante. Approfittando di qualche passo falso della concorrenza e con una striscia di dodici risultati utili consecutivi dal 12 febbraio (10 vittorie e 2 pareggi, ndr), il gruppo di Danucci ha conquistato il biglietto per un posto nella prossima Serie C. Il cammino nel torneo principale ha messo in evidenza 20 vittorie, 9 pareggi e 5 sconfitte in 34 partite disputate. Secondo miglior attacco, alle spalle proprio della Cavese, con 59 reti messe a segno e seconda miglior difesa con 27 reti subite, alle spalle del Nardò.

Organico costruito con intelligenza, il Brindisi si è sempre affidato a uno scacchiere tattico preciso: il 4-2-3-1. Modulo caro al mister e allo staff, nel corso dell’anno è stata la veste più utilizzata dai pugliesi. Identità assimilata nel tempo, come dimostrato anche dalle difficoltà all’apertura e dal consolidamento durante la seconda fase del campionato. Opoola è l’arma letale (bomber con 11 marcature), ma l’undici di partenza può contare su altri profili di spessore: Felleca, D’Anna e Dammacco su tutti. Malaccari e Cancelli rappresentano i due guardiani a protezione della linea arretrata. Riflettori puntati sui giovanissimi Palumbo, Ceesay, Valenti ed Esposito.

Nel Girone H di Serie D, inoltre, il Brindisi ha affrontato due squadre della provincia di Napoli: l’Afragolese e la Puteolana. Il rendimento è totalmente dalla parte dei biancazzurri che hanno fatto registrare successi in casa e in trasferta. Quattro su quattro è il bilancio, con 9 reti messe a segno e soltanto 2 subite.

Il programma di Sorrento-Brindisi e la designazione arbitrale

La terza giornata del Gruppo 3 della Poule Scudetto si giocherà allo Stadio Italia domenica 21 maggio alle ore 16.00. Al termine dell’incontro il Dipartimento Interregionale premierà il Sorrento per la vittoria nel Girone G e la conseguente promozione tra i professionisti. La gara sarà diretta da Gianluca Catanzaro della sezione di Catanzaro. Gli assistenti saranno Andrea Pacifici della sezione di Arezzo e Roberto Palermo della sezione di Pisa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Sorrento accoglie il Brindisi, è sfida tra neopromosse: la stagione dei biancazzurri

NapoliToday è in caricamento