Calcio

Serie D, Girone I - Portici-Giarre 3-2: Elefante e Carrotta trascinano gli azzurri, disastroso Quartarone

Gioia all'esordio per il Portici che supera il Giarre in una gara con continui ribaltoni. Strepitoso Elefante, bene Carrotta: da rivedere la prestazione di Quartarone

Il carattere e il cuore portano in alto il Portici. È un debutto gioioso per gli azzurri allo Stadio San Ciro. Neanche l'intraprendenza e la volontà di non mollare del Giarre hanno abbattuto la compagine allenata da Savio Sarnataro. Risposta positiva alla prima chiamata in campionato per i partenopei che superano i siciliani tra rimonte e contro-rimonte. Tre lunghezze messe in cantiere e un test che fornisce già riscontri attendibili per il prosieguo della stagione.

Ai campani servono soltanto sette giri di lancette per graffiare gli avversari e mettere la prima firma sul match. Il timbro è di Elefante che porta subito avanti la squadra di casa con un tiro da posizione defilata che beffa Quartarone. L'attaccante approfitta di un'incertezza della difesa dopo un contatto e scarica il destro verso la porta. Gli azzurri provano a viaggiare sulle ali dell'entusiasmo, le trame sono avvolgenti e insidiose. I gialloblù non restano a guardare e su una transizione d'attacco trovano il pareggio con l'autogol di Izzo propiziato dalla galoppata lungo la fascia di Arcidiacono. Il Portici si rende pericoloso con Romano, il tentativo non si concretizza. Il caldo e i carichi di lavoro condizionano le battute finali della frazione iniziale, si va a riposo sul punteggio di 1-1.

Il Giarre entra con maggiore convinzione sul rettangolo verde e al 52' Arcidiacono ribalta la situazione in termini di risultato. Il centravanti sfrutta un retropassaggio sbagliato, si avventa sul pallone e sfida in velocità Calvarese per vie centrali: difensore superato e Della Valle battuto. Tra i partenopei serpeggia fiducia e l'asse offensivo è pronto a scaldarsi. Al 56' non viene segnalato un potenziale rigore per Elefante che prosegue nell'azione e conquista un calcio d'angolo. Dal corner si presenta Carrotta che disegna una parabola perfetta, Quartarone ancora non perfetto e sfera nel sacco. Al 70' sempre il numero 10, dopo un grandissimo e straripante contropiede di Romano, calcia col sinistro e l'intervento del portiere è sciagurato: pallone che sorpassa la linea e rimonta completata.

Una vittoria sofferta e di grinta per il Portici, gli uomini di Sarnataro infliggono il ko al quotato Giarre al San Ciro. Da rivedere la prestazione del guardiano di Cacciola, autentico disastro nell'arco dei novanta minuti.

Il tabellino

Portici: Della Valle; Riccio, Russo, Calvarese, Esposito; Maranzino, Carrotta, Izzo; Stallone, Manfrellotti, Elefante. A disposizione: Schreper, Cirillo, Silvestre, Pisani, Sibilio, Romano, Martiniello, Scala, Filogamo, Zinno. Allenatore: Sarnataro

Giarre: Quartarone; La Rosa, Zappalà, Priola, Brunetti; Sessa, Iseppon, Cocimano; Ficarrotta, Savasta, Arcidiacono. A disposizione: Barbagallo, Beye, Panebianco, Puglisi, Cozza, Guerci, Rossitto, Cannavò, Concialdi. Allenatore: Cacciola

Arbitro: Gavini di Aprilia (De Gregorio-De Santis)

Marcatori: 7' Elefante (P), 13' aut. Izzo (G), 52' Arcidiacono (G), 56' Carrotta (P), 70' Elefante (P)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie D, Girone I - Portici-Giarre 3-2: Elefante e Carrotta trascinano gli azzurri, disastroso Quartarone

NapoliToday è in caricamento