rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Calcio

Euro 2032, l'Italia consegna il dossier alla Uefa: Napoli tra le città candidate

Dieci le città scelte dalla Figc per ospitare le partite della rassegna continentale per nazionali

È stato consegnato alla UEFA il "Final bid dossier" di candidatura della FIGC a ospitare in Italia gli europei di calcio del 2032. Dopo mesi di lavoro coordinato, che ha visto scendere in campo accanto alla Federazione il Governo, il Parlamento, i Comuni e tutti gli altri stakeholder, la documentazione richiesta è ora nelle mani della UEFA: nei prossimi mesi è attesa la valutazione da parte del massimo organismo calcistico europeo che, durante il Comitato Esecutivo in programma il prossimo 10 ottobre, renderà nota la sede degli Europei del 2028 e del 2032. L’altra federazione ad aver presentato il dossier di candidatura per quest’ultima edizione è quella turca.

Le città designate a ospitare la fase finale di Euro 2032 sono Milano, Torino, Verona, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Bari e Cagliari. La città di Palermo continuerà a essere coinvolta nell’iter a supporto della candidatura.

Gravina: "Dossier ispirato a 'nuovo Rinascimento'"

“Il dossier di candidatura dell’Italia per l’organizzazione di UEFA EURO 2032 è ispirato ad un ‘nuovo Rinascimento’ ed è stato realizzato attraverso continue connessioni con i territori, da un lato esaltandone le bellezze storiche e artistiche, dall’altro rispettandone l’impatto e la sostenibilità. Il dossier è il frutto di un lavoro intenso, in cui il calcio si è fatto ancora una volta strumento di unità e di aggregazione trasversale, concretizzatasi nell’adozione di diversi provvedimenti, governativi, parlamentari e comunali, che nobilitano la nostra candidatura. Abbiamo immaginato l’Italia e il calcio europeo fra 10 anni, nella consapevolezza che il lascito positivo di un evento del genere moltiplichi straordinarie opportunità per l’intera nazione. Ringrazio tutti gli stakeholder coinvolti, che hanno sposato il progetto con grande entusiasmo e spirito collaborativo”. Così il presidente della Figc Gabriele Gravina. 

L'impegno del Comune di Napoli

Il Comune di Napoli, nel corso della seduta di giunta del 5 aprile scorso, ha approvato all'unanimità una delibera che impegna l'ente, in caso di assegnazione dell'organizzazione di Euro 2032 all'Italia, a realizzare lavori di adeguamento e ristrutturazione dello stadio Diego Armando Maradona nel rispetto dei canoni di sostenibilità previsti dalla normativa vigente e degli standard richiesti dalla Uefa, che aveva ritenuto l'impianto di Fuorigrotta attualmente non conforme agli standard previsti per la candidatura all'evento. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Euro 2032, l'Italia consegna il dossier alla Uefa: Napoli tra le città candidate

NapoliToday è in caricamento