rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Calcio

Maradona jr. dopo l'addio al Napoli United: "Dalla semifinale playoff ai quattro mesi senza percepire soldi. Non ci sto più"

Diego Armando Maradona jr. ha salutato il Napoli United: questo il messaggio lasciato tramite i canali social

Si è chiusa in giornata la sua esperienza da allenatore del Napoli United. Diego Armando Maradona jr., con un post pubblicato sul profilo Instagram, ha ringraziato la società per l’opportunità e ha rivelato le difficoltà degli ultimi mesi:

"Dalle stelle alle stalle. Potrei riassumere così la mia esperienza al Napoli United. Una società che rispetto e amo da quando è nata, nell’ormai lontano 2009. Le stelle, nello stomaco, di quella telefonata di giugno 2021 in cui il presidente Antonio Gargiulo mi chiedeva di diventare allenatore della prima squadra. Grazie, 10 volte grazie, per l’opportunità che mi ha dato. Il primo, un anno fantastico, tutto al proprio posto, tutti a spingere nella stessa direzione. Qualche sconfitta, tante vittorie. La cavalcata fino alla semifinale playoff, il traguardo più alto mai raggiunto dal Napoli United. Poi le stalle. Il secondo anno, quello in cui ho resistito fino ad oggi. Quello degli stipendi non pagati a staff e calciatori. Quattro mesi, oltre 100 giorni senza percepire soldi. Ne ha risentito il lavoro, i rapporti personali. Ci sono ragazzi nella squadra che sono a migliaia di km da casa e il Napoli United li ha lasciati senza un centesimo per la spesa, senza cibo, in un caso anche senza acqua calda per diversi giorni. Non ho resistito, non sono più riuscito a restare fermo di fronte a tali ingiustizie. Fare integrazione, accoglienza e lasciare le persone senza cibo stona un po’. Come stona avere una passione, farne il proprio lavoro, allenarsi, impegnarsi ogni santo giorno e non essere retribuiti". 

Maradona jr. continua: "Allora dieci volte grazie per avermi concesso l’opportunità di allenare ma, no, così non ci sto. Non ci sto più. E i miei rapporti, anche personali, con chi mi ha mentito per mesi, aggiungendo una bugia dopo l’altra, sommando un “pagherò i ragazzi” dopo l’altro, sono chiusi.  Ci tengo a ringraziare tutti i calciatori, professionisti veri, uomini rari e persone per bene. Per loro continuerò a esserci sempre. Ringrazio inoltre i dirigenti Mariano Improta, Vincenzo Caprio e Pietro Varriale, sempre vicini alla squadra. Ringrazio il fidato magazziniere Massimo Scognamiglio, re delle battute strappa risate. Mi dissero che scegliere lo staff sarebbe stato il mio compito più arduo. “Devi capire che persone ti metti vicino”, mi dissero. Dopo quasi due anni posso dire che ho scelto alla grande. Grazie al mio staff, fatto di persone preparate, fidate e pregni di passione. Con dispiacere, rammarico e un po’ di tristezza, ma consapevole di aver fatto la scelta giusta, mi congedo quindi dal Napoli United augurando alla società di trovare, o anche ritrovare, persone adatte a ricoprire determinati incarichi e garantire un futuro a questa società, sempre e comunque nel nome dei valori per cui è nata".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maradona jr. dopo l'addio al Napoli United: "Dalla semifinale playoff ai quattro mesi senza percepire soldi. Non ci sto più"

NapoliToday è in caricamento